Home / Cultura / Tradurre la narrativa, focus su Raymond Carver

Tradurre la narrativa, focus su Raymond Carver

Aperte fino al 18 giugno le iscrizioni per il workshop promosso dalla scuola di scrittura della Fondazione Pordenonelegge.it

Tradurre la narrativa, focus su Raymond Carver

Tradurre la narrativa è appassionante, a maggior ragione se ci si confronta con la scrittura di una voce cult della narrativa del nostro tempo: quella di Raymond Carver, poeta e narratore, riferimento fra i più amati, i più intensi e originali della scena letteraria statunitense. Di Carver è stato tradotto quasi tutto, ma ci sono ancora delle zone d’ombra. Meno conosciuto e praticato è forse il suo teatro e anche per questo sarà avvincente partecipare al workshop “Tradurre Raymond Carver” promosso dalla scuola di scrittura della Fondazione Pordenonelegge.it, a cura di Laura Pagliara, del quale aprono oggi le iscrizioni.

Un laboratorio di approfondimento con la guida di Riccardo Duranti, uno dei più noti e apprezzati traduttori dall'inglese, “voce” italiana del grande autore.  Lo stage è in programma venerdì 28 dalle 15 alle 19.15 e sabato 29 giugno dalle 9 alle 13.15 a Pordenone, nella sede di Palazzo Badini, aula Master piano terra – via Mazzini 2 Pordenone. Iscrizioni entro martedì 18 giugno, info www.pordenonelegge.it  Per accedere è necessaria una buona conoscenza della lingua inglese. La quota di partecipazione è di 180 euro, al momento dell’iscrizione saranno inviati i testi da tradurre per il seminario.

Riccardo Duranti ci guiderà dunque alla scoperta di un Carver inedito e decisamente meno noto, quello del teatro, dove il dialogo la fa da padrone e la lingua diventa più essenziale che mai. Il dialogo è forse la sfida più ardua per un traduttore, ma anche la più divertente. Ogni parola e ogni virgola hanno un peso unico e specifico, perché le frasi possano creare il necessario ponte tra oralità e scrittura. Il laboratorio sarà introdotto da una breve analisi della lingua e dello stile di Raymond Carver. Seguirà poi la parte di laboratorio vero e proprio, che vedrà i partecipanti come protagonisti. Si lavorerà infatti all’analisi e al confronto delle versioni dei testi che i corsisti avranno precedentemente tradotto. I brani da tradurre, che saranno tratti da alcune opere teatrali inedite di Carver, verranno inviati al momento dell’iscrizione.

Riccardo Duranti ha insegnato per anni Letteratura inglese e Traduzione letteraria presso l’Università La Sapienza di Roma. Traduttore e poeta, da alcuni anni gestisce la casa editrice Coazinzola Press. Per la sua attività di traduttore, ha ricevuto il premio nazionale per la traduzione nel 1996 e il premio Catullo nel 2014. Ha tradotto l’opera omnia di Raymond Carver e autori come John Berger, Philip K. Dick, Cormac McCarthy, Michael Ondaatje, Nathanael West, Richard Brautigan, Caryl Churchill, Elizabeth Bishop, Henry David Thoreau, Edward Bond. Fra i suoi libri di poesia: Bivio di voce (Empirìa, 1987), The Archer’s Paradox (The Many Press, 1993), L’affettuosa fantasia (Aracne, 1998), Made in Mompeo. Haiku e immagini (con Rino Bianchi,  Corbu, 2007) e Meditamondo (Coazinzola Press, 2013).

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori