Home / Economia / Il controllo del Mediterraneo? Nasce a Ronchi

Il controllo del Mediterraneo? Nasce a Ronchi

Si chiama Falco Evo il nuovo velivolo che sarà utilizzato da Frontex per monitorare i migranti in mare

Il controllo del Mediterraneo? Nasce a Ronchi

Si chiama Falco Evo, ed è un progetto che è stato ideato e realizzato interamente a Ronchi dei Legionari dalla Leonardo, e servirà a Frontex, l’agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, per sorvegliare le acque tra Italia e Malta. È il ministero dell’interno a coordinare quanto la Guardia di Finanza debba utilizzare il velivolo, moderna evoluzione del Falco uscito dalle officine ronchesi qualche anno fa. Attualmente l’accordo prevede trecento ore di volo ma il numero potrebbe variare. Decisivo, va detto, il supporto dell’Enac, l’Ente Nazionale per l’aviazione civile e l’Enav, l’Ente nazionale Assistenza al Volo, oltre che l’Ast Aeroservizi di Lampedusa.

Falco Evo, oltre a possedere un nuovo motore, è dotato di un nuovo sistema di propulsione alimentato tramite combustibile pesante, ali allungate e numerose varianti che ne hanno consentito l’aumento di autonomia. Oltretutto è equipaggiato con il radar Gabbiano Ts Ultralight per missioni di lungo raggio sia diurne che notturne.

“Siamo orgogliosi di dimostrare le capacità del Falco Evo all’agenzia europea Frontex e alle forze di sicurezza, che affrontano quotidianamente la sfida del controllo e della protezione dei confini marittimi. Leonardo mette a disposizione di questo programma”, sottolinea l'amministratore delegato, Alessandro Profumo, “la lunga esperienza acquisita anche grazie alle attività svolte per le Nazioni Unite e molti altri clienti internazionali con i propri sistemi pilotati da remoto. Sono convinto che questo innovativo approccio di collaborazione consentirà a Frontex di definire come sfruttare al meglio le capacità offerte dai sistemi pilotati a distanza”. Enac, dal canto suo, fa sapere come le attività avviate nel Mediterraneo costituiscono la base per lo sviluppo di ulteriori iniziative, nella prospettiva di una futura integrazione dei mezzi a pilotaggio remoto con l'aviazione tradizionale.

0 Commenti

Cronaca

Spettacoli

Sport news

Politica

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori