Home / Economia / Centrale di Monfalcone, avviato il riesame dell'Aia

Centrale di Monfalcone, avviato il riesame dell'Aia

Domani incontro con il Ministro Costa. Scoccimarro: "Solo affrontando la questione in modo serio e condiviso, si potrà trovare una soluzione per Servola"

Centrale di Monfalcone, avviato il riesame dell\u0027Aia

Il Ministero dell'Ambiente ha avviato il riesame dell'autorizzazione integrata ambientale per la centrale A2A di Monfalcone alla luce dei protocolli europei sulle migliori tecniche disponibili. Lo ha annunciato l'assessore all'Ambiente del Friuli Venezia Giulia, Fabio Scoccimarro, rispondendo oggi in Consiglio regionale a un'interrogazione a risposta immediata del consigliere Diego Moretti (Pd).

L'attuale Aia, rilasciata nel 2009 e aggiornata nel 2014 e 2016, scadrà nel 2025. Nel frattempo l'Unione Europea ha emanato le nuove Bat conclusion, ovvero le linee guida sulle migliori
tecniche disponibili nel settore dei grandi impianti di combustione, a cui la centrale dovrà adeguarsi. Lo stesso Scoccimarro incontrerà domani a Roma il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, assieme ai sottosegretari Vannia Gava e Vincenzo Zoccano.

"Solo affrontando la questione in modo serio e condiviso a tutti i livelli amministrativi e, trasversalmente, con tutte le forze politiche, si potrà trovare una soluzione per Servola", ha detto Scoccimarro. "Coglierò l'occasione per confrontarmi con il ministro anche sulla richiesta informale avanzata da Siderurgica Triestina, a cui abbiamo consigliato di presentare istanza ufficiale, relativamente ad una revisione o ad un nuovo accordo di programma che, per quanto mi riguarda, deve gestire una fase transitoria che porti alla dismissione dell'area a caldo per fare spazio alle attività del porto in espansione".

0 Commenti

Cronaca

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori