Home / Economia / Hera, margine operativo a 39,2 milioni

Hera, margine operativo a 39,2 milioni

La relazione trimestrale al 31 marzo evidenzia risultati in crescita. Positivo contributo per ciclo idrico e gas

Hera, margine operativo a 39,2 milioni

Il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Hera, presieduto da Tomaso Tommasi di Vignano, ha approvato oggi all’unanimità i risultati economici consolidati del primo trimestre 2019, in miglioramento rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente, con una crescita costante di tutti i principali indicatori. Si conferma così vincente la strategia multibusiness dell’azienda, bilanciata tra attività regolamentate e a libera concorrenza, con elevata attenzione alla sostenibilità e all’economia circolare.

Il Gruppo Hera persegue, infatti, questo modello sia nella crescita organica sia nello sviluppo per linee esterne, sempre pronto a cogliere le opportunità offerte dal mercato anche grazie alla propria solidità finanziaria. Un percorso di 16 anni di crescita ininterrotta culminato il 18 marzo 2019 con l’ingresso di Hera nell’indice FTSE MIB di Borsa Italiana, che include i 40 maggiori titoli di Piazza Affari per capitalizzazione.

In generale, i risultati del primo trimestre 2019 hanno beneficiato delle maggiori tariffe sui servizi regolati, a seguito dell’aggiornamento dell’Autorità, oltre che dell’espansione commerciale e dell’estrazione di efficienze. Tra le variazioni di perimetro rispetto al primo trimestre 2018 si segnalano Blu Ranton e Sangroservizi in Abruzzo, Megas Net nelle Marche e, a partire dal 1° marzo 2019, l’integrazione nel ferrarese delle attività di vendita di energia di CMV Energia e Impianti e delle attività di distribuzione del gas naturale di CMV Servizi, compresa la società controllata ATR. Inoltre, il 9 maggio scorso è stata formalizzata l’acquisizione del 100% delle azioni di Cosea Ambiente, la società che gestisce il servizio rifiuti urbani e assimilati di proprietà di 20 Comuni dell’Appennino tosco-emiliano, con annessa concessione decennale della discarica di Cosea Consorzio a Gaggio Montano, con efficacia a partire dal secondo trimestre 2019.

Ricavi per 1,94 miliardi di euro. Nel primo trimestre 2019, i ricavi sono stati pari a 1.940,4 milioni di euro, in crescita rispetto ai 1.741,3 milioni dell’analogo periodo del 2018. A questo risultato hanno contribuito principalmente la crescita dei ricavi delle attività di trading, nella produzione di energia elettrica e nel trattamento rifiuti, nonché i maggiori ricavi e i maggiori volumi nella vendita di gas ed energia elettrica.

Margine operativo lordo (MOL) in aumento a 330,8 milioni di euro. Il margine operativo lordo passa dai 322,7 milioni di euro dei primi tre mesi del 2018 ai 330,8 milioni al 31 marzo 2019, registrando un incremento di 8,1 milioni (+2,5%). La crescita è da attribuire alle buone performance delle principali aree del Gruppo, in particolare i settori idrico e gas. In miglioramento anche i risultati delle aree ambiente e altri servizi, sostanzialmente stabile l’area energia elettrica.

Risultato operativo e utile ante-imposte in crescita. Sale anche il risultato operativo netto pari a 205,0 milioni di euro al 31 marzo 2019, in crescita rispetto ai 197,6 milioni dell’analogo periodo del 2018 (+3,7%). Varia di 3,6 milioni di euro la gestione finanziaria, pari a 21,1 milioni al termine del primo trimestre, per minori dividendi percepiti e per l’applicazione del principio contabile IFRS16 sui leasing operativi. L’utile prima delle imposte cresce del 2,1%, passando dai 180,1 milioni dei primi tre mesi del 2018 ai 183,9 milioni di euro dell’analogo periodo del 2019.

Utile netto in aumento a 129,7 milioni (+3,0%). L’utile netto al 31 marzo 2019 sale a 129,7 milioni di euro, in aumento rispetto ai 125,9 milioni dello stesso periodo del 2018 (+3,0%). È di 124,2 milioni di euro, invece, l’utile di pertinenza degli Azionisti del Gruppo, in crescita del 3,1% rispetto ai 120,5 milioni dello stesso periodo del 2018. Risultati che, a fronte di un tax rate in miglioramento (al 29,5%, rispetto al 30,1% dello stesso periodo dell’esercizio passato), si devono anche al continuo impegno del Gruppo nel cogliere i benefici riconosciuti dalle norme vigenti, con particolare riferimento agli ammortamenti dei consistenti investimenti effettuati in chiave Utility 4.0.

Oltre 96 milioni di investimenti e posizione finanziaria netta stabile. Al lordo dei contributi in conto capitale, gli investimenti complessivi nei primi 3 mesi del 2019 sono stati pari a 96,3 milioni di euro, in crescita del 7,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e hanno riguardato principalmente interventi su impianti, reti ed infrastrutture. A questi si aggiungono gli investimenti per la sostituzione massiva dei contatori e nell’ambito depurativo e fognario.
Sostanzialmente stabile la posizione finanziaria netta, pari a 2.622,0 milioni di euro al 31 marzo 2019, rispetto ai 2.585,6 milioni del 31 dicembre 2018. Al netto della variazione derivante dall’applicazione del principio contabile IFRS16 sui leasing operativi, il primo trimestre registra un flusso di cassa operativo positivo legato alla stagionalità di periodo. Il rapporto PFN/MOL su base rolling 12 mesi si attesta a 2,52 volte, a conferma della solidità finanziaria del Gruppo.

“Siamo molto soddisfatti di questa trimestrale e del contributo che AcegasApsAmga e le sue controllate hanno fornito al Gruppo Hera”, spiega Roberto Gasparetto, Direttore generale AcegasApsAmga. “In particolare AcegasApsAmga ha registrato un margine operativo lordo di 39,2 milioni di euro, in linea con l’anno precedente, ma superiore alle previsioni di budget, anche in ragione del positivo contributo di ASE, la controllata attiva nei servizi energetici ad amministrazioni pubbliche e condomìni. Proprio dai condomìni sono arrivate soddisfazioni importanti, grazie allo sviluppo di numerosi progetti su centrali termiche e rivestimenti esterni, che hanno portato significativi risparmi di costo per i cittadini e un positivo impatto sulle emissioni. Molto bene anche gli apporti che sono venuti dalla controllata bulgara Aresgas, che sta svolgendo un ruolo da protagonista nella metanizzazione e nello sviluppo sostenibile di quel paese".

0 Commenti

Cronaca

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori