Home / Green / Alberi, un patrimonio da difendere e conoscere

Alberi, un patrimonio da difendere e conoscere

Scade il 31 luglio il censimento delle piante monumentali da parte dei Comuni. Udine vanta la presenza di oltre 400 specie, di cui le più rappresentative sono il platano, il tiglio, il bagolaro, l’acero, il cipresso e l’ippocastano

Alberi, un patrimonio da difendere e conoscere

Sta per arrivare la scadenza per il censimento degli alberi monumentali da parte dei comuni, fissata al 31 luglio. Con la legge del 2013 i Comuni infatti dovranno censire gli alberi monumentali comunali e chi ne provoca il danneggiamento dovrà pagare fino a 100 mila euro di sanzione.

Secondo le vecchie stime del Corpo Forestale, che a partire dagli anni '80 fece il primo censimento nazionale, in Italia ci sono circa 22.000 alberi di particolare rilievo, tra cui 2.000 esemplari di grande interesse e 150 di eccezionale valore storico o monumentale.
Ogni censimento comunale andrà poi a comporre un ulteriore elenco a livello regionale, che a sua volta formerà l'Elenco Nazionale gestito dal Corpo forestale dello Stato. A livello locale, risultati e curiosità di ogni censimento comunale saranno disponibili ai primi di agosto.

Il patrimonio arboreo del Comune di Udine consta di più di 400 specie, di cui le più rappresentative sono il platano, il tiglio, il bagolaro, l’acero, il cipresso e l’ippocastano. CLICCA QUI per conoscere il patrimonio arboreo del capoluogo friulano e CLICCA QUI per conoscere gli alberi monumentali presenti in città.

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori