Home / Green / Allarme rosso nei giardini dei goriziani

Allarme rosso nei giardini dei goriziani

Dal verde pubblico agli spazi privati: un parassita rischia di distruggere siepi e piante. L’assessore: “Segnalate i casi”

Allarme rosso  nei giardini dei goriziani

Lo scorso anno aveva messo in allarme gli amanti del verde di tutto l’Isontino, e, in ginocchio, molti giardinieri. Oggi di lei si parla meno, ma il pericolo non è scampato. Anzi. Gli addetti ai lavori continuano a tenere d’occhio l’evoluzione della diffusione sul territorio della Piralide del Bosso, temibile parassita di origine asiatica che, dallo scorso anno, è stato segnalato anche nel nord Italia, in Friuli Venezia Giulia e in particolar modo nella provincia di Gorizia. Si tratta di un fitofago del Bosso, le cui larve, nutrendosi, causano gravissimi danni a una pianta tanto comune e diffusa un po’ in tutti i classici giardini ‘all’italiana’, quanto pregiata e lenta nella crescita. Nel giro anche solo di pochi giorni o di qualche settimana, una pianta sana può ridursi a un cespuglio rinsecchito. Ecco perché chi possiede siepi di Bosso in giardino, o ancor di più le amministrazioni pubbliche che curano gli spazi verdi nei paesi e nelle città, sono alle prese con un grosso grattacapo.

Colpiti i parchi
“La presenza della Piralide purtroppo è ormai cosa affermata nel nostro territorio – dice l’assessore comunale all’Ambiente di Gorizia, Francesco Del Sordi -, ed è per questo che è un bene sensibilizzare la cittadinanza e ricordare quali sono le modalità di intervento. E’ importante riuscire a prevenire e circoscrivere la diffusione del parassita, che altrimenti di giardino in giardino e di pianta in pianta potrebbe infestare  l’intero Isontino”. A Gorizia il Comune ha già effettuato anche quest’anno sui suoi parchi il trattamento con il ‘Bacillus Thuringiensis’, unica sostanza in grado di contrastare la Piralide, e gli effetti positivi nel capoluogo isontino si sono visti. Ma non va abbassata la guardia. “Per il momento danni particolari a Gorizia non ne abbiamo – dice ancora Del Sordi -, ma fuori città e specie nella Sinistra Isonzo ho visto parchi e giardini molto colpiti. Tutti dobbiamo prestare un pizzico di attenzione supplementare in questi periodi: curare il prima e meglio possibile i Bossi dei nostri giardini, se malati, e segnalare a chi di dovere piante colpite nelle aree pubbliche, per evitare la diffusione della Piralide e perdite gravi per il verde del nostro territorio”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori