Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, 25 marzo 2016

Il Friuli in edicola, 25 marzo 2016

Mani venete sul Friuli - La battaglia per Sappada è solo la punta dell’iceberg nei rapporti con la vicina regione. In ballo ci sono assetti istituzionali, porti e trasporti, partecipate e finanziarie

Il Friuli in edicola, 25 marzo 2016

L’appetito del Veneto per la specialità friulana - I 10 i Comuni  veneti che bussano al Fvg. I nostri vicini hanno messo gli occhi su diverse peculiarità del Fvg. Dalle partecipate ai trasporti, dai servizi pubblici fino alle infrastrutture
L’appetito del Veneto nei confronti del Friuli non accenna a placarsi. Sulla lista del menu della Regione guidata da Luca Zaia c’è un po’ di tutto: enti, società partecipate, porto e aeroporto, infrastrutture, trasporti. Il Fvg è sotto assedio. Perché il caso Sappada, che in questi giorni sta facendo battagliare le due Regioni, coinvolgendo pure il Governo nazionale, è solo la contesa più lampante. Dietro, sono ben altre la partite da giocare. Sul fronte territoriale, il passaggio di Sappada al Friuli (voluto dai sappadini)  spaventa il Veneto, che teme un fuga in Trentino-Alto Adige di altri comuni del Bellunese (la perdita di Cortina sarebbe un danno incalcolabile). Che la guerra sia senza esclusione di colpi lo testimonia anche la provocazione della presidente del Fvg Debora Serracchiani, la quale ha chiesto il passaggio nella nostra regione di tutto il Bellunese, sostenendo che non si possono fare paragoni con gli interventi di Trento e Bolzano, i quali “pagano perché non vogliono accogliere altri Comuni nel loro territorio, mentre per noi la friulana Sappada è benvenuta”.
Leggi il resto nel numero in edicola

Trieste e Venezia in rotta di collisione - Scontro a colpi strategici per il controllo dell’Alto Adriatico: il Fvg sigla l’accordo con l’Iran e il Veneto rilancia. Nessuna intesa all’orizzonte tra l’aeroporto di Ronchi e i suoi vicini
Quando il Friuli Venezia Giulia ha chiuso vantaggiosi accordi economici con l’Iran, nel giro di 15 giorni anche una delegazione veneta si è precipitata a Teheran. Gli imprenditori veneti avevano grandi aspettative sul manifatturiero, mentre Debora Serracchiani ha portato a casa importanti intese sul siderurgico. In ogni caso su un terreno decisivo i ‘cugini’ sono stati battuti sul tempo e hanno provato a rifarsi: quello portuale. Sì, perché l’intesa friulana stabiliva una partnership preferenziale dei persiani con Trieste, ma il porto di Venezia non vuol essere tagliato fuori.
Leggi il resto nel numero in edicola

Rifiuti: ‘malattia’ da prevenire - La Regione Fvg ha pubblicato il Programma regionale per limitare la produzione di spazzatura. Ecco i comportamenti che noi cittadini dovremo adottare nel prossimo futuro per essere compatibili con l’ambiente
Sul tema rifiuti, stiamo entrando nella ‘terza rivoluzione’. Negli Anni ’50, infatti, abbiamo cominciato a raccoglierli e a buttarli in discarica. Negli ultimi decenni, ci siamo resi conto che ciò non bastava e che era necessario recuperare i matriali che potevano essere riutilizzati. Tuttavia, ci siamo accorti che c’è un passo ulteriore da fare: limitare la loro produzione. Ed è questo il senso del ‘Programma regionale di prevenzione della produzione dei rifiuti’, licenziato nelle settimane scorse dalla Regione.
Leggi il resto nel numero in edicola

Così lo Stato si mangia le Regioni - Ecco cosa prevede la riforma della Costituzione, che sarà sottoposta a referendum in autunno
èla riforma più ampia dal varo della Costituzione italiana, ma non sembra provocare una radicale trasformazione dell’assetto istituzionale. Sin dal titolo del ddl, si coglie un elenco di interventi che incidono su vari aspetti della forma di Stato e di governo, senza che però emerga un filo conduttore. La professoressa Laura Montanari, ordinario di Diritto pubblico comparato all’Università di Udine, inquadra così la riforma costituzionale voluta dal Governo Renzi che sta compiendo gli ultimi passi in Parlamento e che in autunno sarà probabilmente sottoposta a referendum senza quorum. Il testo, infatti, sarà promosso o bocciato ai cittadini indipendentemente dalla percentuale dei votanti.
Leggi il resto nel numero in edicola

Sella Nevea si rilancia così - No a un’altra cattedrale nel deserto. L’associazione ‘Sella Nevea regina delle Alpi’ chiede di usare i soldi della Regione per migliorare l’impianto di risalita esistente
Sella Nevea ha grandi potenzialità, ma ha bisogno di essere valorizzata e curata meglio. I fondi a disposizione vanno quindi usati per dotarla di servizi adeguati, anziché spenderli per realizzare una nuova seggiovia che rischia di rivelarsi una cattedrale nel deserto.
Leggi il resto nel numero in edicola

L’eredità Ciani, dieci anni dopo - L’artista scomparso nel 2006, innovatore aperto a reti mondiali, sarà celebrato nella sua Bertiolo con un progetto fedele alla sua creatività
Ha lasciato questa terra il 3 luglio di dieci anni fa, ma i suoi mondi fantastici e immaginifici, la sua eredità di artista unico, completo e a 360 gradi, lucido osservatore, sperimentatore e anticipatore, controcorrente  per scelta, sono più vivi e attuali che mai. Nel decennale dalla scomparsa del pittore, grafico, mail e stamp artrist, fotografo, editore e networker friulano Piermario Ciani (1951-2006), il mondo dell’arte e tanti amici si stanno mobilitando per un progetto in piena linea con la sua parabola artistica.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il set del vicino è sempre più verde - Una troupe sudcoreana ha scelto la Slovenia come location per girare una famosa serie Tv, spinta dal successo turistico della giovane repubblica nel Far East. E in Croazia c’è ‘Star Wars’...
Cinema e turismo possono aiutarsi a vicenda: lo dimostrano i nostri vicini sloveni, che stanno vivendo una specie di sogno in entrambi i settori. Il caso – o la programmazione – vuole che la giovane repubblica sia diventata una delle mete preferite dei turisti sudcoreani: quasi 100 mila solo lo scorso anno! Di conseguenza, una  delle produzioni Tv del Paese del Far East ha deciso di scegliere proprio la Slovenia come location ideale per una serie televisiva, ‘Dear my friends’, che sarà trasmessa dal mese di maggio.
Leggi il resto nel numero in edicola

Inserto gratuito 64 pagine ‘Gente del Friuli’

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori