Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, 28 aprile 2017

Il Friuli in edicola, 28 aprile 2017

Il Friuli in edicola, 28 aprile 2017

Il posto migliore dove venire al mondo - In Friuli Venezia Giulia le neo mamme possono stare tranquille

Le vacanze made in Friuli vanno a ruba - Le vacanze made in Friuli vanno a ruba - Dal mare alla montagna è boom di prenotazioni per l'estate

Da cenerentole a principesse - I dieci antichi borghi del Fvg, inclusi dell’esclusivo club fondato dall’Anci, si stanno rivelando un patrimonio anche dal punto di vista turistico
La consacrazione del centro storico di Venzone quale borgo più bello d’Italia per il 2017 ha avuto il merito di accendere i riflettori su piccoli tesori del nostro territorio che in passato parevano destinati all’oblio. Di questi angoli rimasti indenni dalla colata di cemento ne abbiamo ben dieci all’interno dell’esclusivo Club dei Borghi più belli d’Italia su un totale di 250 a livello nazionale. Oltre a Venzone, che ha meritato il premio anche per l’esempio di come si possa ricostruire, dando un messaggio importante al Centro Italia devastato dal terremoto, nel Club ci sono Cordovado, Clauiano, Fagagna, Gradisca d’Isonzo, Poffabro, Polcenigo, Sesto al Reghena, Toppo e Valvasone.
LEGGI IL RESTO NEL NUMERO IN EDICOLA

Il mistero del trattino scomparso - Il semplice segno grafico tra ‘Friuli’ e ‘Venezia Giulia’ nasconde diverse visioni della nostra regione e diventa fondamentale quando si discute del riordino istituzionale
Friuli - Venezia Giulia o Friuli Venezia Giulia? Ovvero, tra Friuli e Venezia Giulia il trattino ci va o no? Tale dilemma può essere paragonato al paradosso elaborato dal fisico austriaco Erwin Schrödinger. In termini estremamente semplificati, il paradosso è questo: mettiamo un gatto dentro una scatola e, fino a quando non apriremo il contenitore, il felino sarà contemporaneamente vivo e morto.
LEGGI IL RESTO NEL NUMERO IN EDICOLA

Il posto migliore dove venire al mondo - In Friuli Venezia Giulia le neo mamme possono stare tranquille: l’80% delle strutture rispetta i valori di riferimento per quanto riguarda il numero di parti e le percentuali di cesarei
Nove mesi possono sembrare lunghissimi, perché non si vede l’ora di guardare negli occhi il proprio figlio, ma possono parere troppo brevi se si considerano tutti gli impegni che si devono portare avanti durante la gravidanza. Preparare la cameretta, effettuare i controlli periodici, organizzare il guardaroba del nuovo nato, essere pronti alle sue necessità rientrano tra queste attività, ma la principale è la scelta dell’ospedale dove partorire. Non è facile per una madre affidare agli altri la salute propria e del proprio bambino, per cui questa decisione è molto delicato.
LEGGI IL RESTO NEL NUMERO IN EDICOLA

Capitale della Cultura 2020 pordenone c’è - Il Comune è pronto a partecipare al bando del Ministero. Non mancano le armi, ma la concorrenza è agguerrita. >> di daniele micheluz
Il primo passo per fare di Pordenone la capitale italiana della Cultura è stato fatto. La Giunta cittadina ha preso positivamente in esame il progetto. Nel concreto, adesso, bisognerà allestire la documentazione per partecipare al bando. A guidare le fila è l’assessore alla Cultura della città, Pietro Tropeano.
LEGGI IL RESTO NEL NUMERO IN EDICOLA

La vita segreta della città di U. - Il giornalista e scrittore Paolo Medeossi esce in libreria con un viaggio letterario e poetico in una Udine celata allo sguardo dei più
Prendete una citazione di Bill Bryson “Salisbury mi piace molto. Ha le dimensioni perfette per una città: grande abbastanza da avere cinema e librerie, piccola abbastanza da risultare accogliente e vivibile”.
Ora sostituite il nome di Salisbury con “Udine” e ottenete il perfetto ritratto del capoluogo del Friuli. Una città riservata e aggraziata, non priva, però, di Storia e di storie, di luoghi nascosti e di bellezze svelate, di personaggi insoliti e di protagonisti acclamati.
LEGGI IL RESTO NEL NUMERO IN EDICOLA

Risate locali, successi globali - La comicità “alla friulana” piace al popolo della Rete, che applaude vecchie e nuove star.>> di valentina viviani
Chi lo dice che i friulani sono burberi e “musoni”? La comicità friulana esiste in tutte le case, davanti a un taj come in una domenica trascorsa in campagna ed è fatta di battute folgoranti pronunciate sorridendo sotto i baffi o non sorridendo per niente. La forza dell’ironia, essenziale e sferzante, sta nel contenuto, non nella forma. E anche nel mondo dello spettacolo, la comicità “alla friulana” sta prendendo sempre più piede. Merito di alcuni pionieri, che hanno fatto di gag e barzellette i loro cavalli di battaglia, e di alcuni “pronipoti” che hanno usato prima la televisione e ora il Web come canali per diffondere sketch e ironia made in Friuli.
LEGGI IL RESTO NEL NUMERO IN EDICOLA

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori