Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 12 aprile 2019

Il Friuli in edicola, venerdì 12 aprile 2019

Il Friuli in edicola, venerdì 12 aprile 2019

112 di nuovo nella bufera - A due anni dall’introduzione del numero unico per le emergenze il sistema rimane nel mirino delle polemiche. Scelte errate all’inizio, ma per la Regione non si torna più indietro

“Paghiamo di più per  aspettare i soccorsi” - Nue 112.  A due anni dalla sua nascita, il Numero unico per le emergenze non soddisfa i cittadini: ritardi, errori e difficoltà sono ancora troppo frequenti e il rischio di conseguenze drammatiche resta alto
Sono passati due anni dal 29 marzo del 2017, quando il Friuli Venezia Giulia, seconda regione in Italia dopo la Lombardia, si dotò del Nue, Numero unico per le emergenze, per farvi convergere tutte le chiamate di emergenza: pronto soccorso sanitario, carabinieri, polizia, vigili del fuoco, protezione civile.
Leggi il resto nel numero in edicola

De Toni indica la rotta - Università del Friuli. Al via il 16 aprile le elezioni del nuovo rettore. Alberto De Toni, forte dei suoi 6 anni alla guida dell’ateneo, offre alcuni consigli ai candidati e indica le priorità
Ufficialmente il passaggio di testimone scatta a settembre, ma il rettore uscente Alberto De Toni è già in grado di formulare l’eredità morale sulla base dell’esperienza portata avanti per sei anni, indicando ai candidati le priorità che il prossimo mandato si troverà ad affrontare, dal sotto-finanziamento all’e-learning.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il nuovo ospedale si presenta - Pordenone. Il progettista, l’architetto catalano Albert de Pineda, ha raccontato la struttura durante un convegno in Fiera: ecco i segreti dell’edificio a misura d’uomo e di città
Il nuovo ospedale di Pordenone sarà a misura d’uomo e di città. Parola di Albert de Pineda, l’architetto catalano progettista della struttura che sta sorgendo in via Montereale. Il progetto è stato raccontato durante un convegno nella Fiera della città sul Noncello.
Leggi il resto nel numero in edicola

Grandi scatti di gente comune - Robert Doisneau, uno dei maestri della fotografia del ‘900, al centro di una grande mostra al Magazzino delle Idee di Trieste: una passeggiata tra i ‘dimenticati’ del 20° secolo
Se esistesse una classifica dei più grandi fotografi del 20° secolo, il suo nome sarebbe nella ‘top 5’ vicino a Capa e Cartier-Bresson. Autore di uno degli scatti-icona del ‘900, Il bacio (Baiser de l’Hotel De Ville, scattata nel 1950, durante un servizio per la rivista Life), la fotografia più riprodotta in assoluto nella storia, il francese Robert Doisneau (1912-1994) è stato uno dei maestri della ‘fotografia umanista’. E anche un artista tout court, amico di attori, musicisti, scrittori…
Leggi il resto nel numero in edicola

La faccia nascosta della musica - Il caso. Alcuni dei maggiori successi degli ultimi anni sono ‘senza identità’: ecco chi sono band e protagonisti regionali, o legati al Friuli, che hanno scelto di nascondere il volto dietro una maschera
La maschera è sempre stata parte integrante dello spettacolo. Chiunque salga su un palco, ne indossa metaforicamente una, accompagnata magari da un costume di scena, un’uniforme o quello che serve per rendere più netta la separazione tra finzione e realtà. Nella musica esistono diversi casi in cui la maschera è indossata letteralmente, per celare un’identità o creare un alter ego riconoscibile da tutti.
Leggi il resto nel numero in edicola

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori