Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 23 novembre 2018

Il Friuli in edicola, venerdì 23 novembre 2018

Il Friuli in edicola, venerdì 23 novembre 2018

Scossone sul sistema appalti - Epicentro in Friuli. Cento indagati e oltre 150 appalti ai raggi x nell’ambito dell’Operazione 'Grande Tagliamento' condotta dalla Guardia di finanza del Fvg, coordinata dalla Procura di Gorizia

Scossone sul sistema appalti - Epicentro in Friuli.  Cento indagati e oltre 150 appalti ai raggi x  nell’ambito dell’Operazione “Grande Tagliamento” condotta dalla Guardia di finanza del Fvg, coordinata dalla Procura di Gorizia
E’ partito dal Friuli il terremoto sugli appalti che sta facendo tremare mezza nazione e sta portando alla luce un sistema talmente ramificato, che gli investigatori non hanno esitato a definirlo metastasi. L’indagine della Guardia di finanza goriziana che 18 mesi addietro sembrava una semplice scossa, si è via via propagata. Le investigazioni si sono trasformate nell’operazione “Grande Tagliamento” che rischia di rivelarsi un sisma capace di travolgere imprese e istituzioni.
Leggi il resto nel numero in edicola

Ospedale malato di automobili - Udine. I parcheggi a pagamento davanti al Santa Maria della Misericordia, negli orari di visite e prelievi, sono sempre occupati.
I residenti delle vie a nord del nosocomio non ne possono più
Parcheggiare ed entrare in ospedale è ormai un’impresa quasi impossibile. O si accetta di pagare il ticket, o ci si addentra nelle strade a nord, vicine, ma congestionate. Il traffico davanti al Santa Maria della Misericordia, creato ogni giorno da chi cerca un posto, pazienti e loro familiari, ma anche dipendenti che non hanno un posto assegnato all’interno del nosocomio, è intasato. A pagare sono i residenti che uscendo dalle loro belle case – è questa una delle zone più belle e care della città – trovano auto parcheggiate ovunque, sul marciapiede, davanti ai passi carrai, in doppia fila, davanti ai cassonetti. La situazione è invivibile, e a niente servono le rassicurazioni della giunta comunale. L’ospedale, destinato a diventare sempre più grande, è presidio ospedaliero di secondo livello, un hub frequentato non soltanto da chi vive nella nostra regione.
Leggi il resto nel numero in edicola

La simpatia di Catine irrompe nel Premio Nadâl furlan - Buja. Oltre all’attrice di origine lucana, premiati l’illustre clinico Mauro Ferrari, lo scultore Filip Moroder Doss e il teologo Ermes Maria Ronchi
Il Premio Nadâl furlan, manifestazione organizzata dal Circolo Culturale Laurenziano, presieduto da Gloria Aita, celebra quest’anno i quarant’anni di storia premiando Mauro Ferrari, Filip Moroder Doss, padre Ermes Maria Ronchi e Caterina Tomasulo.
Leggi il resto nel numero in edicola

Scuole, servono 16 milioni - Friuli occidentale. è la cifra necessaria per l’adeguamento sismico degli istituti superiori dell’ex Provincia di Pordenone. Gaiarin: “A disposizione 7 milioni, dalla Regione mi aspetterei qualcosa in più”
Il primo freddo ha messo in ginocchio alcune scuole pordenonesi. I ragazzi dello scientifico Grigoletti, diretto da Ornella Varin e che conta 1.500 studenti, si sono ritrovati nei gironi scorsi in aule dove le temperature andavano anche sotto i 14 gradi. Una situazione, questa, che ha portato tanti a entrare in sciopero, anche perché pure il giorno precedente si erano verificati alcuni problemi al riscaldamento. E la dirigente scolastica non ha potuto dare loro torto.
Leggi il resto nel numero in edicola

Cremazione senza confini - Gorizia. Lanciato dal municipio il progetto per il nuovo impianto che servirà anche numerosi  Comuni sloveni
Sempre più isontini scelgono di farsi cremare una volta passati a miglior vita, e così a Gorizia si sta lavorando a un nuovo impianto di cremazione.
Leggi il resto nel numero in edicola

Suns, IL DIRITTO DI ESSERE   DIVERSI - Udine capitale delle lingue minoritarie con la quarta edizione di ‘Suns Europe’: dal 29 novembre al 2 dicembre una vetrina delle nuove creatività nel Vecchio continente, senza folklore
AAvete mai sentito una band di hip hop bretone, gaelico o gallego? Conoscete almeno un paio di nomi di punta del pop frisone? Siete in grado di distinguere su un Atlante la Karelia dalla Chukokta? Sapete che nell’austriaco Burgenland si parla – e canta – anche in croato? Preferite le voci vicine dei ladini o quelle lontanissime delle Fær Øer e dell’Udmurtia? Se siete in grado di rispondere almeno a una di queste domande, allora vuol dire che avete assistito almeno a una delle tre edizioni precedenti di Suns Europe, la rassegna che trasforma Udine in capitale delle cosiddette lingue minoritarie (o ‘minorizzate’, come si preferisce dire oggi) del Vecchio continente.
Leggi il resto nel numero in edicola

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori