Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 8 marzo 2019

Il Friuli in edicola, venerdì 8 marzo 2019

Scossa al mercato dell‘auto - Confusione sull’ecobonus nazionale e quello regionale. Il diesel è destinato a scomparire? E se in Friuli salta lo sconto sul carburante?

Il Friuli in edicola, venerdì 8 marzo 2019

L’ecobonus parte col freno a mano tirato - Tanta incertezza. Le procedure per ottenere il contributo statale non sono ancora definite. Nella nostra Regione però
si lavora ai nuovi bonus, pronti a fine mese
Si naviga a vista. O, per usare una metafora più appropriata, si guida “a fari spenti nella notte”. È la scarsa chiarezza che domina ancora sulla questione dell’ecobonus del Governo sui veicoli ecologici.
Leggi il resto nel numero in edicola

Flat tax: partite Iva a gogo - Effetti indesiderati. Per chi potrà utilizzare il nuovo regime sarà una pacchia, ma l’agevolazione farà moltiplicare le aperturea, favorirà la concorrenza sleale
e penalizzerà fiscalmente i lavoratori dipendenti
La flat tax è un pasticcio incredibile, talmente clamoroso da lasciare sbigottiti. E’ il minimo che si possa dire dopo aver ascoltato Alberto Maria Camilotti, presidente dell’Ordine dei commercialisti di Udine che anticipa gli effetti della nuova normativa in assenza di correzioni.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il testamento che cambia il mito - Giulietta e Romeo. Le radici friulane del dramma d’amore vanno riscritte. E’ la conclusione di Vanni De Conti che dopo essere stato promotore del Comitato ha scoperto un documento inedito
La vicenda di Giulietta e Romeo friulani non è una storia d’amore come molti credono, piuttosto fa riferimento a una vicenda politica mascherata da un lacrimevole dramma d’amore. A denunciarlo è uno degli studiosi amatoriali che anni addietro contribuirono a costruire questo mito, ‘strappandolo’ alla blasonata Verona. Una vera inversione a U che ha portato Vanni De Conti a rompere i ponti con i promotori della versione friulana, sulla base studi e documenti dell’epoca, da lui a lungo ricercati tra le carte di biblioteche e archivi di Stato.
Leggi il resto nel numero in edicola

Giro di vite sui furbetti del termostato - Friuli occidentale. E’ in fase di elaborazione il nuovo Piano di azione dei Comuni del Pordenonese per il contrasto all’inquinamento atmosferico. Obiettivo: controllare il riscaldamento nelle abitazioni
In futuro, tenere troppo alto il riscaldamento a Pordenone e nell’hinterland potrà costare salato. E non a causa della bolletta. Il prossimo autunno, infatti, potrebbero partire i controlli domestici sui termostati. E’ questo uno degli obiettivi del futuro Piano di azione comunale per il contrasto all’inquinamento atmosferico (il riscaldamento domestico è uno dei maggiori responsabili del pm 10 e del pm 2,5 presenti in atmosfera) che l’Amministrazione pordenonese sta elaborando assieme ai Comuni che hanno già aderito al Pac - Azzano Decimo, Cordenons, Fiume Veneto, Pasiano, Porcia, Prata, Roveredo in Piano, San Quirino, Zoppola - e ai 10 che dovrebbeo entrarvi in futuro, ovvero Chions, Pravisdomini, Cordovado, Sesto al Reghena, San Vito al Tagliamento, Casarsa, Fontanafredda, Sacile, Brugnera e Morsano.
Leggi il resto nel numero in edicola

Tra impegno ed emancipazione - Dedica festeggia i 25 anni con un’edizione che celebra Gioconda Belli, poetessa e scrittrice nicaraguense che dal ‘74 racconta le suggestioni di un intero continente
Dal 1995 a oggi, Dedica ha visto protagonisti grandi uomini della cultura nazionale e internazionale, da Moni Ovadia a Claudio Magris, da Paco Ignacio Taibo II aD Amos Oz, da Paul Auster a Luis Sepúlveda. Ma anche grandi donne, partendo nel 2000 con Dacia Maraini, senza dimenticare Assia Djebar, Anita Desai e Nadine Gordimer. Per l’edizione numero 25, l’associazione Thesis ha scelto la nicaraguense Gioconda Belli, poetessa, scrittrice e giornalista di fama internazionale che per la sua attività letteraria partita nel 1974 ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti.
Leggi il resto nel numero in edicola

“De Andrè popolare grazie alla Pfm” - Patrick Djivas, storico bassista della Premiata Forneria Marconi, racconta i retroscena della collaborazione di 40 anni fa e svela i contenuti di un tour già tutto esaurito, che venerdì 15 arriva al ‘Giovanni da Udine’
Esagerando, ma non troppo, si può dire che per la storia della musica italiana è stato l’equivalente dell’invenzione della stampa. Nel gennaio 1979, la Premiata Forneria Marconi, allora la più importante rock (o prog) band nazionale, accompagnò Fabrizio De André in un tour che toccò anche la regione: il Carnera di Udine il 10 gennaio, poi Trieste.

Leggi il resto nel numero in edicola

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori