Home / Politica / Birra: abbattimento delle accise

Birra: abbattimento delle accise

Sut e Zullo (M5S) commentano con favore l'emendamento alla Legge di Bilancio per le realtà produttive al di sotto dei 10mila ettolitri all'anno

Birra: abbattimento delle accise

La piccola impresa artigianale attiva nel settore della produzione birraia esce vincente dall’approvazione dell’emendamento alla Legge di Bilancio, presentato dal MoVimento 5 Stelle alla Camera e che abbatte del 40% il costo delle accise per le realtà produttive al di sotto dei 10.000 ettolitri l’anno. L'emendamento prevede inoltre il taglio di 1 centesimo sull’imposta per i birrifici con volumi di produzione maggiori.

Soddisfazione è stata espressa al riguardo nelle ultime ore da parte dei portavoce a Montecitorio e al Parlamento europeo per il M5S, Luca Sut e Marco Zullo. “Siamo soddisfatti per l’ottimo risultato raggiunto grazie all’iniziativa della collega in Commissione Agricoltura, Chiara Gagnarli", esordisce Sut. “La birra, in Italia – prosegue - è la seconda bevanda alcolica più gradita, preceduta solo dal vino. I dati diffusi di recente dall’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare descrivono un aumento rilevante dei consumi, +3% nel primo semestre del 2018 che va a sommarsi al +8% dello scorso anno".

"Chiaro segnale – chiosa poi l’ingegnere pordenonese – di una tendenza culturale a cui doveva accompagnarsi un intervento normativo che alleggerisse il peso delle accise per un ambito produttivo in forte crescita e volano per l’occupazione, soprattutto giovanile. Da Nord a Sud, sono sempre più gli under 35 attivi nel settore e anche il nostro Friuli Venezia Giulia può vantare aziende locali che, alla nostra già forte tradizione vinicola, aggiungono un prodotto nuovo e sempre più selezionato”.

Sulla stessa linea si pone l’intervento del collega eurodeputato, Marco Zullo: “Quello dei birrifici artigianali è trend che non accenna a diminuire, proprio per questo necessita delle giuste condizioni per poter continuare a crescere. L’approvazione di tale emendamento - osserva Zullo - rappresenta dunque un segnale molto positivo. Da una parte, perché offre un aiuto sostanziale agli artigiani, veri cultori della produzione di qualità, dall’altra perché mette al centro la materia prima e il rispetto del territorio che la offre. Il Made in Italy va salvaguardato e certificato. Siamo certi – conclude - che quello appena ottenuto è un traguardo al quale si aggiungeranno presto molti altri".

0 Commenti

Cronaca

Spettacoli

Sport news

Economia

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori