Home / Politica / Terzo settore, il Fvg punta alla collaborazione

Terzo settore, il Fvg punta alla collaborazione

La Regione punta a rendere efficace il tavolo avviato nella scorsa legislatura

Terzo settore, il Fvg punta alla collaborazione

La disponibilità a un dialogo costruttivo e coordinato, operativamente indirizzato alle specifiche competenze degli assessori e, in prospettiva, sotto la regia di un tavolo nel quale presentare proposte ed elaborare la collaborazione prevista dalla nuova normativa. Questo in sintesi quanto concordato dal vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, e dall'assessore alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, al termine dell'incontro che si è tenuto oggi a Trieste con i rappresentanti del Terzo settore, guidati dai portavoce regionali Paolo Felice e Franco Bagnarol.

Punto di partenza, come sottolineato dai due esponenti della Giunta, quello dell'adeguamento delle norme regionali alla riforma nazionale del settore, per il completamento della quale mancano ancora alcuni decreti attuativi. Al netto di questo, la volontà della Regione di rendere efficace quel tavolo avviato nella scorsa legislatura, ma sulla cui effettiva operatività gli stessi rappresentanti del Terzo settore hanno manifestato qualche perplessità.

Sull'argomento, sia Riccardi che Roberti hanno rimarcato la necessità di istituire due piani di lavoro: un contenitore destinato alle relazioni istituzionali e al coordinamento e, contemporaneamente, delegare a un altro livello le fasi operative delle sinergie tra le specifiche realtà settoriali e gli assessorati competenti.

Lo stesso vicegovernatore, nell'ambito della sua delega alla Salute, ha ricordato come nella riforma della sanità regionale venga configurato un ruolo strategico al volontariato nell'offerta dei servizi sociosanitari territoriali.

Da parte loro, i due portavoce Bagnarol e Felice, hanno ribadito come la riforma nazionale richiami puntualmente la collaborazione tra gli Enti pubblici e il Terzo settore, il quale "rappresenta una significativa parte del Pil regionale".

Volontariato, ma non solo. Anche cooperazione sociale e Croce Rossa. Tradotto in numeri, in Friuli Venezia Giulia operano oltre 10mila Istituzioni non profit per un totale di circa 18mila dipendenti e 170mila volontari.

L'assessore Roberti, infine, manifestando la necessità di un approfondimento interno all'Amministrazione per riallineare la visione d'insieme dei rapporti con il Terzo settore alla luce della riforma nazionale, ha dato appuntamento a Bagnarol e Felice a un prossimo incontro per la definizione del progetto di quello che sarà il nuovo quadro regionale normativo e organizzativo di riferimento.

0 Commenti

Cronaca

Spettacoli

Sport news

Economia

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori