Home / Politica / Un patto per riassorbire i lavoratori del Monfalconese

Un patto per riassorbire i lavoratori del Monfalconese

Rinnovato, in Prefettura a Gorizia, il protocollo d'intesa per favorire il ricollocamento delle vittime di crisi aziendali

Un patto per riassorbire i lavoratori del Monfalconese

Operare sinergicamente per favorire il riassorbimento dei lavoratori vittime di crisi aziendali che hanno colpito il territorio del Monfalconese. Queste le finalità del protocollo d'intesa sottoscritto il 28 maggio scorso e rinnovato questa mattina a Gorizia, nella sede della Prefettura, alla presenza del governatore della Regione, del sindaco di Monfalcone, di Confindustria Venezia Giulia e delle Organizzazioni sindacali territoriali di Cgil, Cisl e Uil.

Un obiettivo al cui raggiungimento la Regione contribuirà sia con le proprie funzioni in materia di Politiche attive del lavoro che attraverso l'avvio di specifici percorsi formativi mirati al pieno reinserimento dei cittadini del Friuli Venezia Giulia rimasti privi di impiego.

Nella circostanza, il governatore Fedriga ha sottolineato l'impegno dell'Amministrazione regionale che ha trovato espressione in importanti iniziative quali l'esenzione Irap per l'assunzione di vittime di crisi occupazionali, il "3+2" Irap - laddove tre sono gli anni di esenzione totale e due sono quelli con aliquota all'1% - per i nuovi insediamenti produttivi in Friuli Venezia Giulia, il raddoppio degli incentivi a supporto della stipula di contratti a tempo indeterminato e gli interventi a tutela delle donne nelle loro duplici vesti di madri e lavoratrici.

Misure di carattere non solo economico ma anche formativo, è stato ribadito, che si pongono l'ambizioso traguardo di attrarre nuovi investitori e di consolidare un sistema virtuoso basato non sull'assistenzialismo bensì sul coinvolgimento di tutte le parti - istituzionali, datoriali, sociali - per rilanciare l'economia e la competitività del Friuli Venezia Giulia.

Ed è proprio da queste premesse che prendono quindi corpo i numerosi "recruiting day" - il prossimo, organizzato con Monte Carlo Yachts al Museo della cantieristica di Monfalcone, è in agenda il 17 aprile - e l'operatività della nuova misura regionale di ricollocazione intensiva, al via il 1 maggio, che prevede la presa in carico congiunta dei lavoratori da parte dell'Amministrazione regionale e dei soggetti privati accreditati al lavoro per l'individuazione di soluzioni volte al loro ricollocamento.

Il primo gruppo di lavoratori preso in carico con tale misura sarà quello degli ex dipendenti Eaton.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori