Home / Salute e benessere / Nue112: infarto, incendio, incidente, i ritardi possono costare cari

Nue112: infarto, incendio, incidente, i ritardi possono costare cari

Ecco qualche storia, pescando dalla cronaca degli ultimi mesi, per illustrare quali sono le possibili, tragiche, conseguenze di ritardi e mancanze

Nue112: infarto, incendio, incidente, i ritardi possono costare cari

Alla fine a parlare sono i numeri, ma non bisogna dimenticare che, quando si commentano le situazioni di emergenza, si tratta sempre di vicende che coinvolgono esseri umani nel momento della massima necessità. Ecco perché, al di là dei dati che raccontano i risultati di un servizio come il Nue, abbiamo deciso di raccontare qualche storia, pescando dalla cronaca degli ultimi mesi, proprio per illustrare quali sono le possibili, tragiche, conseguenze di ritardi e mancanze.

Tra i casi più recenti c’è quello della morte di un ottantenne pordenonese che si era sentito male nella notte tra il 16 e il 17 febbraio scorso. La moglie aveva chiamato il 112. Un’incomprensione o un errore nel fornire la localizzazione tra centrale del soccorso e ambulanza ha mandato il mezzo sanitario - partito dal pronto soccorso dell’ospedale cittadino - a un altro indirizzo della città. L’ambulanza è così arrivata sul posto con alcuni minuti di ritardo rispetto al possibile e i soccorsi all’uomo, reiterati, sono risultati vani. L’anziano è deceduto per un infarto.

Un errore di indirizzo è stato anche la causa del ritardo nell’arrivo dei soccorsi in un appartamento in fiamme, lo scorso ottobre, a Trieste. Il risultato è stato la morte di una donna di 83 anni a causa del fumo.

Sempre in ritardo sono arrivati i soccorsi per un uomo di 81 anni, di Tolmezzo, emiparetico e invalido, che era caduto nella sua abitazione, procurandosi una lesione al capo che ha sanguinato abbondantemente. Mentre il medico di guardia era arrivato nel giro di pochi minuti, l’ambulanza, che al momento della chiamata stava trasportando un altro paziente all’ospedale di Tolmezzo, ci ha messo quasi 40 minuti. Fortunatamente, in questo caso, il paziente è stato medicato senza ulteriori conseguenze sulla sua salute.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori