Home / Salute e benessere / Sanità, cancellare i tagli alla spesa del personale

Sanità, cancellare i tagli alla spesa del personale

La Cigil chiede alla Regione di eliminare il prima possibile di modificare le linee di gestione

Sanità, cancellare i tagli alla spesa del personale

Cancellare i tagli alla spesa per il personale previsti sulla spesa sanitaria regionale nel 2019. A chiederlo sono la Funzione pubblica Cgil del Friuli Venezia Giulia, con la segretaria generale Orietta Olivo e il responsabile sanità Andrea Traunero, e la segreteria regionale Cgil con la delegata al welfare Rossana Giacaz.
Il vincolo nazionale di ridurre dell’1% la spesa del personale, spiega la Cgil, verrà meno a breve, ragion per cui anche il Friuli Venezia Giulia, come le altre regioni, potrà avere maggiore libertà di manovra nelle assunzioni, per far fronte al mancato turnover degli ultimi anni. Dietro alla presa di posizione della categoria e della segreteria confederale la recentissima bozza di accordo tra le Regioni e i ministeri delle Finanze e della Salute, che farà venire meno, non appena verrà recepita con una norma ad hoc, l’obbligo a ridurre dell’1% i costi del personale sanitario.

“L’intesa raggiunta questa settimana, che deve essere formalizzata, ma costituisce già una chiara indicazione sul piano politico, cancella il vincolo dell’1%, sostituito da un limite fissato entro i limiti di spesa dell’anno precedente, aumentati di una quota pari al 5% dell’incremento annuale del fondo sanitario regionale - spiegano Olivo, Traunero e Giacaz -. Ecco perché chiediamo alla Regione di modificare le linee di gestione cancellando i tagli e aumentando anzi gli investimenti sul personale. Fp e Cgil, in particolare, insistono sulla necessità di “implementare le assunzioni di infermieri e Oss, per far fronte a una domanda di servizi cui si è risposto, negli ultimi anni, con volumi insostenibili di ricorso allo straordinario, con più di 400mila ore non compensate da recuperi, e alle giornate di ferie non fruite, oltre 300mila”.

La Cgil, infine, si dice contraria a un possibile ricorso, ventilato dall’assessore, dell’aumento del coinvolgimento dei privati nell’erogazione dei servizi del servizio sanitario regionale: “La priorità – sostengono la categoria e la Cgil – è di garantire l’efficienza e l’esigibilità delle prestazioni del servizio sanitario pubblico, contrastando il peggioramento delle condizioni di lavoro e l’aumento delle liste di attesa, che non possono essere usati come alibi per incrementare il ricorso alla sanità privata. Se il nostro servizio sanitario regionale ha garantito finora prestazioni di qualità elevata rispetto alla media nazionale, del resto, questo è anche in virtù di un ricorso contenuto al convenzionamento con i privati. Non si vedono quindi le ragioni per modificare questa impostazione virtuosa”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori