Home / Spettacoli / ‘InBox’, ‘Terminal’ riporta il circo contemporaneo nella chiesa di San Francesco

‘InBox’, ‘Terminal’ riporta il circo contemporaneo nella chiesa di San Francesco

Vincitore del terzo premio al prestigioso festival mondiale 'Cirque de demain', dopo Francia, Spagna, Belgio, Polonia, Svezia, India, Libano, Palestina, Olanda, sbarca a Udine

‘InBox’, ‘Terminal’ riporta il circo contemporaneo nella chiesa di San Francesco

‘Terminal - Festival dell’arte in strada’ - un’idea di Circo all’inCirca in collaborazione con Zeroidee e la consulenza artistica di Roberto Magro; sostenuto da Regione Fvg, assessorato alla Cultura del Comune di Udine, MiBACT, PromoturismoFvg e Fondazione Friuli -, dopo l’incredibile successo di pubblico dello scorso anno, sabato 25 maggio, alle 21, riporta il circo contemporaneo all’interno della ex chiesa di San Francesco (piazza Venerio).

LO SPETTACOLO - ‘InBox’ (questo il titolo dello spettacolo, che ha vinto il terzo premio al prestigioso festival mondiale “Cirque de demain” lo scorso febbraio), della compagnia ‘Soralino’, è un’interpretazione circense del mito di Sisifo che dopo Francia, Spagna, Belgio, Polonia, Svezia, India, Libano, Palestina, Olanda, sbarca a Udine. Due tizi in impermeabile, il piccolo col vestito troppo grande ed il grande con il vestito troppo piccolo, scherzano con dei cartoni, lanciandoli e impilandoli sul bordo della catastrofe. Caio Sorana e Clément Malin giocano con l’equilibrio ed il disequilibrio chiedendo al pubblico di immaginare se l'oggetto dominerà l'uomo o viceversa… «È uno spettacolo da non perdere. – spiega Davide Perissutti di Circo all’inCirca - sul palco ci saranno due artisti di circo contemporaneo che grazie a un semplice gioco e a una montagna di scatole sapranno far divertire il pubblico di tutte le età, ma anche dire qualcosa sulla condizione dell’essere umano agli spettatori dallo sguardo più acuto».

IL PROGRAMMA DEL 25 MAGGIO – Ma la giornata di ‘Terminal’ comincerà presto. La mattinata di sabato 25 maggio (dalle 11) sarà a misura di bambino (consigliato dai 6 ai 14 anni, ma adatto a tutti) con ‘Il peso e la piuma’ di Spazio Bizzarro, spettacolo di teatro-circo ispirato al genio di Leonardo da Vinci. Sempre sabato torna anche Audiobus - ideato da Zeroidee, Giovanni Chiarot, Renato Rinaldi e Circo all’inCirca con il supporto di Autoservizi Fvg Spa Saf -, che quest’anno, oltre alla linea C, si arricchisce di altre due tratte, la linea 4 e la 2, e altrettanti viaggi-spettacolo (tutte le corse partono da piazza Venerio; posti limitati a 35 persone per ogni corsa, iscrizione online su terminal-festival.com). Il pomeriggio sarà ricco di eventi. Alle 16 si comincerà con il talk ‘La piazza come palinsesto’, con A+AUD Architetti Alumni Udine, l’’architetto Pietro Valle e di associazioni del territorio che parleranno del ‘caso piazza Venerio’. Alle 17.30 ci sarà lo spettacolo del gruppo francese ‘Collectif BigBinôme’: ‘Saut’. Gli artisti moduleranno lo spazio grazie all’unico elemento che compone la scenografia, i costumi, gli accessori: i secchi. Un’ora più tardi, alle 18.30, Alexis Rouve e Déborah Colucci si esibiranno in ‘Entres-cordes’. La giornata proseguirà alle 19.30 con la delicata propensione al surrealismo e all'irrealtà di ‘John Launi’ della compagnia Charge Maximale de Rupture, che mostrerà sul palco la tragedia di Giovanni. Alle 21, come detto, ‘InBox’ e alle 21.30 in piazza Venerio, la serata si concluderà con il concerto di Bruno Bellissimo (presentato da Circolo Cas’Aupa per Dissonanze): un dj-produttore e polistrumentista italo-canadese. La sua produzione musicale ha un suono unico influenzato dai classici dell’italo-space disco italiana e dalle colonne sonore dei film horror/sci-fi di fine anni ‘70 inizio anni ‘80 ma rielaborato in uno stile contemporaneo e molto personale.

SPAZIO URBANO DA VIVERE - Arte e spazio pubblico, grazie a Terminal, si contamineranno, il dialogo fra le diverse espressioni che vanno dal circo contemporaneo alle arti visive, dall’arte urbana fino a quella performativa, consentirà di percorrere strade inedite, anche grazie alle performance itineranti di Audiobus. Quest’anno Terminal, ideato da Circo all’inCirca e Puntozero, ha ricevuto il sostegno della Regione Fvg, dell’assessorato alla Cultura del Comune di Udine, del MiBACT, di PromoturismoFVG e della Fondazione Friuli. Per la realizzazione della tre giorni hanno collaborano Ars Motus, Associazione Brocante, Associazione Arearea, Associazione Tra le Nuvole, Associació Valenciana de Circ, Cirqueon , Associazione A+AUD, Cas’Aupa, Dissonanze, SAF, Wallonie-Bruxelles International, Bluenergy, Intersezioni.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori