Home / Spettacoli / 'Regalo di Natale' a teatro a Monfalcone

'Regalo di Natale' a teatro a Monfalcone

Sabato 23 e domenica 24 febbraio lo spettacolo tratto dall’omonimo film di Pupi Avati, fra i più avvincenti e amari del grande regista bolognese

\u0027Regalo di Natale\u0027 a teatro a Monfalcone

La stagione di prosa del Teatro Comunale di Monfalcone prosegue, sabato 23 e domenica 24 febbraio alle 20.45, con Regalo di Natale, lo spettacolo tratto dall’omonimo film di Pupi Avati, fra i più avvincenti e amari del grande regista bolognese. L'adattamento teatrale è del drammaturgo Sergio Pierattini, la regia di Marcello Cotugno. In scena un eterogeneo e straordinario gruppo di attori: Gigio Alberti, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Valerio Santoro e Gennaro Di Biase.

Quattro amici di vecchia data si ritrovano la notte di Natale per giocare una partita a poker. Con loro anche il misterioso avvocato Santelia, un ricco industriale noto nel giro per le sue ingenti perdite, il “pollo” da spennare. Ma è il presunto “pollo” a trovarsi di fronte quattro uomini che nella vita hanno giocato col destino e hanno perso. La partita si rivela tutt'altro che amichevole e sul piatto, oltre ai soldi, c'è il bilancio della vita di ognuno: sconfitte, menzogne, tradimenti.

Regalo di Natale viene trasposto per la scena nel 2008, anno in cui la crisi economica globale segna profondamente la società italiana e, in risposta a recessione e precariato, il gioco d’azzardo inaugura una stagione di fulminante ascesa.

Cinque attori di grande livello si calano in una partita che lascerà i loro personaggi sconfitti, a dimostrazione di come alcuni valori fondamentali – amicizia, lealtà, consapevolezza di sé – stiano dolorosamente tramontando dal nostro orizzonte.

“Con la sua stringente contemporaneità e la sua universalità fuori dal tempo, – scrive Marcello Cotugno – la parabola di Regalo di Natale è il trionfo del singolo sul collettivo, è la metafora del successo di uno conquistato a spese di tutti, è il simbolo di una teatralità doppia e meschina, è un’amara riflessione su come stiamo diventando, o forse siamo già diventati. Il poker è anche un nobilissimo gioco tra gentiluomini, un rito moderno in cui mostrarsi per quello che non si è, proprio come in una rappresentazione teatrale: quanto più la maschera è forte e impenetrabile, tanto più sarà difficile comprendere i nostri punti”.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell'ambito di "Dietro le quinte", avrà luogo una breve presentazione dello spettacolo a cura del critico teatrale Mario Brandolin.

Biglietti: Biglietteria del Teatro, Biblioteca Comunale di Monfalcone, ERT di Udine, prevendite Vivaticket e su www.vivaticket.it; la Biglietteria accetta prenotazioni telefoniche (0481 494 664).

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori