Home / Spettacoli / C'è posto per tutti: riflessioni sul teatro partecipato

C'è posto per tutti: riflessioni sul teatro partecipato

Dal 6 all'8 dicembre al Palamostre di Udine, tre pomeriggi di approfondimento sulle forme d’arte che coinvolgono direttamente i cittadini

C\u0027è posto per tutti: riflessioni sul teatro partecipato

Dall’esigenza di un confronto con alcune tra le migliori esperienze in Italia e all’estero nasce C'è posto per tutti - Riflessioni sul teatro partecipato, tre pomeriggi di approfondimento sulle forme d’arte che coinvolgono direttamente i cittadini - giovedì 6, venerdì 7 e sabato 8 dicembre dalle 17-19 al Teatro Palamostre di Udine - con registi, critici teatrali, direttori di festival e teatri e docenti universitari. La tavola rotonda è aperta al pubblico, agli spettatori e a tutti i coloro volessero approfondire le tematiche che orbitano attorno alle pratiche teatrali contemporanee.

La danza contemporanea d’autore e la ricerca coreografica contraddistinguono la serata di sabato 15 dicembre al Palamostre: dalle 19 a notte fonda, con un doppio spettacolo che impegna il danzatore, coreografo, visual artist Francesco Collavino in Catastrofe un’occasione generativa che mette in relazione il concetto di perdita e quello di creazione. Alle 21, Annamaria Ajmone e la cilena Marcela Santander Corvalán innestano in Mash una relazione fluida e dinamica che dialoga in forma giocosa con la memoria, citando performance anni ’60 e format televisivi. Dalle 22, dj set con Giulia Tosi aka Towsea, artista e musicista della corporazione Ba.Bau.Corp diretta dallo stesso Collavino.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori