Home / Spettacoli / Daniele Pecci è 'Il fu Mattia Pascal'

Daniele Pecci è 'Il fu Mattia Pascal'

Appuntamento giovedì 24 gennaio al Verdi di Maniago e venerdì 25 allo Zancanaro di Sacile, ospite del Circuito ERT

Daniele Pecci è \u0027Il fu Mattia Pascal\u0027

La storia di Mattia Pascal arriva a teatro grazie all’adattamento di Daniele Pecci e alla regia di Guglielmo Ferro. Il fu Mattia Pascal, romanzo di Luigi Pirandello pubblicato per la prima volta nel 1904, sarà ospite del Circuito ERT nella sua versione teatrale per due date: giovedì 24 gennaio al Verdi di Maniago (ore 20.45) e venerdì 25 gennaio allo Zancanaro di Sacile (ore 21). Sul palco nei panni del protagonista ci sarà Daniele Pecci, affiancato da Rosario Coppolino, Maria Rosaria Carli, Giovanni Maria Briganti, Adriano Giraldi, Diana Höbel, Marzia Postogna e Vincenzo Volo. Il fu Mattia Pascal è una coproduzione Arca Azzurra Teatro, La Contrada di Trieste e ABC Produzioni.

La scena di Salvo Manciagli colloca Mattia Pascal all’interno di una biblioteca intento a scrivere del suo passato. Mentre scrive prendono vita vicende e protagonisti della sua esistenza: l’eredità ricevuta dal padre, la gestione della stessa da parte del disonesto Batta Malagna, il matrimonio riparatore di Mattia con la nipote di Malagna, il viaggio per tentare la fortuna al gioco, l’occasione di “scomparire”, la nuova vita a Roma e, infine, il ritorno. Nel romanzo, come in questa trasposizione, si ritrovano molti dei temi che Pirandello riprenderà e approfondirà in seguito nella sua opera: dalle maschere che indossiamo per vivere all’interno della società, alla presunzione del libero arbitrio, passando per i concetti di identità e solitudine.  

Daniele Pecci, attore di formazione teatrale, è noto al grande pubblico per l’interpretazione in serie televisive come Il bello delle donne, Crimini bianchi, I misteri di Laura e Orgoglio. Al cinema è diretto, tra gli altri, da Marco Risi in Fortapàsc, da Ferzan Ozpetek in Mine Vaganti e da Giovanni Veronesi in Manuale d’amore 3. La carriera teatrale lo ha visto protagonista nella Medea di Gabriele Lavia, in Kramer contro Kramer diretto da Patrick Rossi Gastaldi, in Scene da un Matrimonio per la regia di Alessandro D’Alatri e, ultima pièce andata in scena con ottime risposte di critica e di pubblico, nell’Enrico V di Shakespeare di cui ha firmato anche adattamento e regia.
Laureato in Storia del teatro inglese, oltre ad aver tradotto e adattato Enrico V, ha firmato anche la traduzione di un'edizione dell'Amleto diretta da Filippo Gili.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori