Home / Spettacoli / Il museo del Prado ritorna sul grande schermo

Il museo del Prado ritorna sul grande schermo

La grande arte ritorna a Cinemazero, solo giovedì 16 maggio, con il documentario-omaggio a uno dei musei più visitati al mondo

Il museo del Prado ritorna sul grande schermo

Nuovo speciale appuntamento con la Grande Arte al Cinema a Cinemazero. Giovedì 16 maggio alle 18.45 ritorna sul grande schermo, dopo il successo di pubblico, Il Museo del Prado – La corte delle meraviglie, documentario che omaggia, in occasione delle celebrazioni per i 200 anni dalla sua fondazione, uno dei templi dell’arte mondiale, un luogo di memoria e uno specchio del presente con 1700 opere esposte e un tesoro di altre 7000 conservate.

Raccontare il Prado di Madrid dal giorno della sua “fondazione” – quel 19 novembre 1819 in cui per la prima volta si parlò di Museo Real de Pinturas – significa percorrere non solo questi ultimi 200 anni, ma almeno sei secoli di storia, perché la vita della collezione del Prado ha inizio con la nascita della Spagna come nazione e con il matrimonio tra Ferdinando d’Aragona e Isabella di Castiglia. Un’unione che sancisce l’avvio del grande impero spagnolo. Eppure, per molto tempo nel corso dei secoli, la pittura è stata una lingua universale, che non ha conosciuto frontiere. E se c’è un museo dove si rende evidente che la pittura non è stata toccata dai nazionalismi, questo è proprio il Prado, con le sue collezioni eclettiche e sfaccettate capaci di raccontare come l’arte non abbia passaporti limitanti, ma sia al contrario un viatico universale in grado di comprendere e raccontare i pensieri e i sentimenti degli esseri umani.

Questa "corte delle meraviglie" è narrata da un personaggio d'eccezione: un Jeremy Irons elegante e incisivo, che racconta la storia del museo e i suoi aneddoti camminando tra i corridoi della galleria di Madrid, tra le sale dedicate a Goya, a El Greco, a Tiziano, a Bosch, a Mantegna o Rubens, fino a giungere al grande Salon de Reinos, restaurato nel 2016 dagli architetti Norman Foster - che qui racconta la sua passione per la pittura del Siglo de oro.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori