Home / Spettacoli / Imma Villa è 'Scannasurice'

Imma Villa è 'Scannasurice'

Lo spettacolo, venerdì 10 maggio, al Teatro Verdi di Pordenone per la stagione di prosa nel percorso 'nuove scritture'

Imma Villa è \u0027Scannasurice\u0027

Scannasurice, letteralmente “scanna topi”, è un travestito, un soggetto senza identità sessuale, metafora di incompletezza e inadeguatezza, come solo i femminielli scaturiti dalla scrittura di Enzo Moscato sanno essere. Vive nel labirinto dei Quartieri Spagnoli, in una stamberga tra spazzatura e oggetti simbolo della sua precarietà, in compagnia dei topi, metafora dei napoletani stessi, con cui ha sviluppato un rapporto di amore-odio. Interpretato da una straordinaria Imma Villa, con la rigorosa regia di Carlo Cerciello, lo spettacolo - in programma domani, venerdì 10 maggio, al Teatro Verdi di Pordenone (inizio ore 20.45) per la stagione di prosa nel percorso“nuove scritture”  - racconta la “misteriosofica” discesa agli inferi di un personaggio che attraversa le faglie terremotate della napoletanità. Il testo porta il segno evidente di un terremoto fisico, quello che nel 1980 colpì Napoli, e metaforico, quello esistenziale del protagonista.

Spettacolo pluripremiato, accompagnato negli anni da unanimi consensi di pubblico e critica, “Scannasurice” è ormai considerato un piccolo cult, un classico del teatro contemporaneo italiano, che segnò il debutto nel 1982 di Enzo Moscato come autore e interprete e fece conoscere al pubblico la sua inconfondibile lingua immaginifica, un testo che adesso il regista Cerciello ripropone in una versione fedele ed emozionante. La grande attrice napoletana Imma Villa - premiata per la sua interpretazione nel 2017 con “Le Maschere del Teatro Italiano” – in questo intenso monologo si trasfigura e ci restituisce un’interpretazione carnale, ironica e tenerissima.
«ll personaggio fa la vita, batte», spiega il regista. «E’, originariamente, un “femminiello” dei Quartieri Spagnoli di Napoli, ma i femminielli di Enzo Moscato sono creature senza identità, quasi mitologiche. Oltre l’identità sessuale, sono quasi magiche. È per questo che ho deciso di farlo interpretare a un’attrice rendendone evidenti l’ambiguità e l’eccesso. Una volta smontata la sua appariscente identità, indosserà la solitudine e la fatiscenza stessa del tugurio dove vive. Sarà cieca Cassandra, angelo scacciato dal Paradiso, sarà maga, sarà icona grottesca e disperata, ma sempre poetica. Nel finale, poi, si ucciderà».
Uno spettacolo che ha emozionato intere generazioni di spettatori, non solo italiani, che ha collezionato recensioni entusiastiche e che a 37 anni dalla sua prima messa in scena non smette di soprendere e convincere.

Lo spettacolo avrà inizio alle 20.45, teatro aperto dalle 19 con l’happy caffè drink e smart food al Bar Licinio. Abbonamenti: Fidelity Platinum, Nuove Scritture. Info e biglietti in biglietteria (dalle 16.00 no-stop fino a inizio recita Tel 0434 247624) e on-line www.comunalegiuseppeverdi.it.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori