Home / Spettacoli / Sebastiano Mesaglio per I Concerti di San Martino in Carnia

Sebastiano Mesaglio per I Concerti di San Martino in Carnia

L'appuntamento è domenica 16 dicembre, al Museo Carnico di Tolmezzo

Sebastiano Mesaglio per I Concerti di San Martino in Carnia

Il terzo appuntamento dei Concerti di S. Martino in Carnia, domenica 16 dicembre alle ore 17.30 al Museo Carnico di Tolmezzo, vede ospite uno dei pianisti friulani più talentuosi, titolati e premiati della nuova generazione: Sebastiano Mesaglio, di ritorno da una serie di concerti in Germania. Il plurilaureato pianista udinese, con un palmares di encomiabili vittorie a concorsi internazionali, eseguirà un recital pianistico con composizioni care al professore Giovanni Canciani, direttore della rassegna assieme a Daniel Prochazka e Alessio Screm. Di Haendel la “Suite in fa maggiore Hwv 427”, di Mozart la “Sonata in mi bemolle maggiore K 282”, di Clementi il “Capriccio op. 47 n. 1” e di Beethoven la “Fantasia op. 77”.

Grandi pagine, compendio di un pianismo raffinato nelle mani di un interprete compiuto, per un’edizione quest’anno dedicata ai repertori per vari strumenti da tasto. Dopo la fisarmonica e lo storico clavicembalo secentesco della famiglia Linussio, a risuonare in questo terzo appuntamento tolmezzino sarà il grancoda Fazioli conservato al Museo Carnico, nelle maestrie di Sebastiano Mesaglio.

Dopo il diploma con lode al Conservatorio Tomadini di Udine, con il massimo dei voti, ha conseguito giovanissimo brillanti titoli all’Accademia pianistica internazionale di Imola, il Diplome superieur d'Einsegnement all'Ecole Normale de Musique di Parigi e un master all’Hochschule für Musik und Tanz di Colonia. Premiato in concorsi nazionali e internazionali, Mesaglio è recentemente stato uno dei tre finalisti della NYCA Worldwide Debut Audition a New York, esibendosi presso la Merkin Hall come solista assieme alla NYCA Symphony Orchestra diretta da Eduard Zilberkant. Nel 2016 si è aggiudicato il primo premio al Concorso pianistico internazionale "Città di Albenga" e al "Giulio Rospigliosi" di Lamporecchio.

La rassegna è organizzata grazie al sostegno della Fondazione Friuli, dell’Uti della Carnia, dei Comuni di Tolmezzo e Cercivento e gli strumenti sono a cura della ditta di restauro e costruzione di strumenti da tasto Fratelli Leita di Prato Carnico. Concerto ad ingresso gratuito.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori