Home / Tendenze / Idee, network transfrontaliero per sistemi energetici efficienti

Idee, network transfrontaliero per sistemi energetici efficienti

Presentazione nel Museo dell’Arte Fabbrile e delle Coltellerie di Maniago

Idee, network transfrontaliero per sistemi energetici efficienti

Strumenti concreti per migliorare la sostenibilità energetica dei territori e dell’ambiente in generale sono il risultato del progetto Idee, giunto alla conclusione ufficiale ieri. Nella Sala del Centro di Interpretazione del territorio del Museo dell’Arte Fabbrile e delle Coltellerie di Maniago sono stati presentati i risultati di “Idee, Network di ricerca transfrontaliero per la progettazione integrata di sistemi energetici efficienti”, progetto finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e dal Programma Interreg V Italia- Austria 2014-2020.

Presenti i rappresentanti dell’Università degli Studi di Udine-Dipartimento Politecnio di Ingegneria e Architettura, capofila dello studio, e di tutti i partner coinvolti: Certottica, Istituto di Certificazione, Formazione e Ricerca di Longarone, RSA iSpace studio specializzato di Salisburgo, del BIM Piave di Belluno, Consorzio finalizzato allo sviluppo dei Comuni coinvolti, e l’Università di Architettura IUAV di Venezia.

Un team con competenze in materia di efficienza energetica a tutto tondo, che in tre anni di progetto ha lavorato su tre aree pilota: Feltre, in provincia di Belluno, Maniago in provincia di Pordenone e la Regione dei Laghi Salisburghese, in Austria. La sperimentazione, illustrata nelle sue linee metodologiche dallo staff di IUAV, si è concentrata sulla progettazione di sistemi energetici in aree urbane a partire dai dati (raccolti sul campo e/o provenienti da banche dati) e dall’analisi dei fabbisogni, realizzata attraverso questionari ed interviste dirette.

A Maniago e Feltre è stato infatti distribuito un questionario sulla domanda energetica per il riscaldamento residenziale i cui risultati sono stati illustrati durante l’evento dai ricercatori dell’Università di Udine e dai tecnici del Consorzio BIM Piave di Belluno, mentre il partner RSA ha presentato il caso studio di Seeham e il framework sviluppato all’interno del progetto. I relatori hanno dato ampia illustrazione dei riscontri pratici derivabili dall’applicazione delle linee guida, dei modelli e degli strumenti sviluppati da IDEE, evidenziando quindi la ricaduta in termini di applicabilità derivata dalla ricerca.

Grande soddisfazione è stata espressa da tutti i partner che hanno sottolineato l’importanza di poter partecipare, attraverso programmi come Interreg, a progetti di respiro internazionale che non solo uniscono eccellenze nei vari settori, ma portano a risultati concreti: a tal proposito i rappresentanti hanno siglato l’Accordo che sancisce la collaborazione stabile tra i partner di progetto per dare ufficialità ad un modus operandi che già vede i diversi enti confrontarsi per trovare nuovi terreni di confronto e collaborazione.

A tutti i partecipanti sono state distribuite le linee guida del progetto che mettono a disposizione degli interessati i metodi e gli strumenti sviluppati dal progetto. Le linee guida sono disponibili su: https://www.anteferma.it/prodotto/idee.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori