Home / Tendenze / Open Fiber illumina Taipana

Open Fiber illumina Taipana

Con un investimento di oltre 300mila euro, quasi 500 unità immobiliari saranno cablate in fibra ottica

Open Fiber illumina Taipana

Tra paesaggi incontaminati e torrenti d’acqua dolce, a Taipana, esteso comune sui primi rilievi delle Prealpi Giulie, è tempo di fibra ottica: nelle prossime settimane, scatteranno infatti i lavori di installazione di una nuova rete di telecomunicazioni che abiliterà velocità di connessione fino a 1 Gigabit per secondo. L’infrastruttura sarà interamente in fibra ottica, in modalità FTTH (Fiber To The Home, fibra fino a casa), e sarà realizzata da Open Fiber, che si è aggiudicata i tre bandi di gara di Infratel (società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico) per la realizzazione di collegamenti a banda ultra larga in oltre 7600 comuni di 20 Regioni italiane, ossia quelle zone in cui è più alto il divario digitale del Paese. Il valore complessivo del bando per la copertura delle aree a fallimento di mercato del Friuli Venezia Giulia è di circa 130 milioni di euro.

L’intervento interesserà le frazioni di Taipana, Debellis, Monteaperta, Platischis e Prossenicco, che saranno cablate in modalità FTTH, mentre una percentuale minore di abitazioni, perlopiù le case sparse delle località Cornappo, Campo di Bonis e Montemaggiore, saranno cablate con tecnologia FWA (Fixed Wireless Access), che abilita velocità di connessione di almeno 30 Megabit per secondo. Il piano consentirà di raggiungere con la rete ultraveloce anche alcune sedi comunali e punti di interesse, come il Museo “Testimonianza della Civiltà contadina”.

“Il comune di Taipana punta allo sviluppo del territorio anche grazie alla nuova rete in fibra ottica – commenta il Sindaco di Taipana, Alan Cecutti – per rilanciare ed attirare le attività produttive e per lavorare a stretto contatto con la natura. È un progetto importante per frenare lo spopolamento della montagna Prealpina Friulana. Ringrazio Open Fiber per la collaborazione e per aver velocizzato la progettazione della nuova infrastruttura”.

“Taipana è una perla immersa nella natura, meta di escursionisti e appassionati – sottolinea la Field Manager di Open Fiber, Eva Lepore – i nostri lavori, per rispettare la specificità del territorio, saranno poco invasivi grazie ad un massiccio riutilizzo di infrastruttura esistente, aerea o interrata. Gli eventuali scavi saranno invece eseguiti con tecniche innovative e a basso impatto ambientale. Anche per questo motivo ringrazio l’Amministrazione comunale e l’ufficio tecnico per aver compreso il valore del progetto, e averci supportato nella definizione del piano di cablaggio”.

Open Fiber è un operatore wholesale only: non vende servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale, ma è attivo esclusivamente nel mercato all’ingrosso, offrendo l’accesso a tutti gli operatori di mercato interessati. Una volta conclusi i lavori, l’utente non dovrà far altro che contattare un operatore, scegliere il piano tariffario e navigare ad alta velocità, cosa fino ad oggi impossibile in alcuni luoghi del territorio. Anche le sedi della Pubblica Amministrazione saranno connesse con la fibra ottica, al fine di migliorare le relazioni con i cittadini e di velocizzare la digitalizzazione del Paese.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori