Home / Viaggi / Il Castello di Valvasone apre le sue porte

Il Castello di Valvasone apre le sue porte

Grazie all'accordo con A spasso per il borgo, sarà visitabile tutte le prime domeniche di ogni mese

Il Castello di Valvasone apre le sue porte

È stato rinnovato l'accordo tra l'amministrazione comunale di Valvasone Arzene e l'associazione culturale A spasso per il borgo per la gestione dell'ufficio turistico operativo nel centro storico a Valvasone. Di recente l'ufficio ha trovato nuova ospitalità nei locali di accoglienza della storica Sala Roma garantendo così maggior accessibilità ai numerosi turisti che si rivolgono alla struttura per avere informazioni ma anche un minimo di ospitalità vista la presenza dei servizi pubblici. Infatti, le corriere di visitatori del borgo antico di Valvasone sostano in piazza Mercato e gli utenti scendono direttamente di fronte all'ufficio turistico.

L'accordo sottoscritto prevede nei mesi invernali un minimo di 27 ore di apertura dell'ufficio, per sei giorni alla settimana. Le ore di servizio salgono a 33 nel periodo da marzo a ottobre di ciascun anno in coincidenza con la maggior presenza dei turisti. Inoltre, l'impegno per i gestori è di garantire tutte le aperture domenicali ma anche nei festivi infrasettimanali con le uniche eccezioni del giorno di Natale, Capodanno e Pasqua.

Insieme all'affidamento dell'ufficio turistico è stata concordata anche la gestione da parte dell'associazione A spasso per il Borgo di due sale pubbliche dalla notevole fruizione. Si tratta di Sala Roma e della Sala Brumat.

Inoltre, un'altra grande novità, frutto di una seconda convenzione, è quella rappresentata dalla garanzia di apertura del castello di Valvasone con una frequenza certa: a partire dal mese di marzo, ogni prima domenica del mese, il maniero sarà visitabile dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 con tre visite guidate di gruppo (una alla mattina e due nel pomeriggio). In questo modo si rende fruibile il bene anche al singolo turista e, in prospettiva a conclusione dei lavori che riguarderanno un ulteriore lotto di riqualificazione del bene storico, il servizio sarà spostato in pianta stabile al suo interno dando una grande opportunità alle migliaia di persone che vogliono ammirare il teatrino più piccolo d'Italia e la preziosa sala affrescata del Trecento.

S'inizierà dal mese di marzo poiché il 17 febbraio 2019 è già programmata un'apertura straordinaria del castello (di fatto l'ultima che si può definire straordinaria) in occasione di un evento dedicato al mondo degli sposi e del catering.

Infatti, il castello è sempre più richiesto per le celebrazioni civili dei matrimoni ma anche come sede per eventi aziendali come pure per momenti più intimi e familiari. L'Amministrazione comunale per incentivare l'utilizzo infrasettimanale ha recentemente approvato un nuovo tariffario che prevede la riduzione dei costi di noleggio delle sale del castello dal lunedì al venerdì.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

L'APPELLO

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori