Home / Viaggi / L'Europa del futuro si costruisce… in bicicletta!

L'Europa del futuro si costruisce… in bicicletta!

Studenti e insegnanti di due scuole superiori italiane e una austriaca percorreranno a tappe le ciclovie dell’Alpe-Adria

L\u0027Europa del futuro si costruisce… in bicicletta!

Tutti in “sella” alle biciclette presso la “vecchia” stazione di Ugovizza, sulla ciclovia dell'Alpe-Adria. Qui, infatti, prenderà ufficialmente avvio il progetto “Bike Fun Is (S)c(h)ool!”, che vedrà impegnate per due anni, dal marzo 2019 al settembre 2020, le scuole superiori Isis Magrini-Marchetti di Gemona, Isis Paschini-Linussio di Tolmezzo e Höhere Bundeslehranstalt für wirtschaftliche Berufe di Hermagor (Austria).

72 allievi italiani e austriaci, di età compresa tra i 14 e i 16 anni, degli indirizzi linguistici e turistici dei tre istituti, accompagnati dalle docenti Daniela Guerra e Larissa Titolo (Isis Magrini Marchetti), Ilaria Driussi e Jessica Zucchiatti (Isis Paschini Linussio) ed Elke Koerner (HLW Hermagor), scenderanno in bicicletta, per brevi tratti, lungo l'itinerario ciclabile dell'Alpe-Adria, alla riscoperta delle peculiarità ambientali, storiche, culturali ed eno-gastronomiche del territorio.

Il progetto, promosso in Italia da OpenLeader di Pontebba e Euroleader di Tolmezzo, è finanziato da Interreg V-A Italia - Austria 2014-2020 e, in parte, da fondi del bilancio degli istituti interessati. Esso si pone come obiettivo principale la conoscenza del territorio e delle sue ricchezze da parte delle giovani generazioni, in un'ottica transfrontaliera e con l'adozione di un approccio sostenibile e slow (utilizzo di itinerari ciclabili). In tal modo, sarà possibile costruire quell'idea di “unione nella diversità”, che costituisce da sempre il fondamento dell'identità multilinguistica e multiculturale europea. Intenso il programma delle due giornate di presenza in Italia di studenti e docenti austriaci.

Il 2 maggio è prevista la visita, a cura degli studenti dell'Isis Magrini Marchetti, del forte di Col Badin a Chiusaforte, aperto per l'occasione dall'Amministrazione Comunale, dove, nel corso della Prima Guerra Mondiale, Austriaci ed Italiani si affrontarono su due diversi schieramenti.  Oggi, invece, diventa luogo di incontro e di reciproca conoscenza tra i giovani dei due Paesi. Dopo i saluti di benvenuto del Dirigente Scolastico, Livio Bearzi, seguirà la visita organizzata dagli studenti italiani che guideranno gli ospiti alla scoperta della fortificazione, attraverso le stanze allestite a museo dell'artiglieria, la batteria e le cupole, anche con il supporto di un filmato 3D, foto e documenti.

Nel pomeriggio l'intero gruppo si trasferirà a Venzone e successivamente a Gemona per visitarne i due centri storici. Gli studenti dell'Istituto Isis Magrini Marchetti faranno conoscere agli ospiti i monumenti e gli edifici più caratteristici, nonché gli aspetti tradizionali e culturali tipici della zona.

Il 3 maggio seguiranno la “Casa delle Farfalle” a Bordano e alcune attività a cura dell'Isis Paschini-Linussio a Tolmezzo. In particolar modo, presso il proprio laboratorio “Cosetti”, allievi provenienti sia dal liceo linguistico che dall'indirizzo eno-gastronomico, alla presenza della Dirigente scolastica Lucia Chiavegato e sotto la guida della professoressa Erika Riondato, avranno modo di cimentarsi con la ricetta originaria del Tiramisù e conosceranno i segreti del “cuore carnico” (il gugjet). La giornata si concluderà con un pranzo congiunto offerto ed organizzato dallo stesso istituto.

Si replicherà il 27 e 28 maggio a Hermagor (Austria) con la scoperta del centro storico di Hermagor, attività sportive presso il lago di Pressegg, nonché con la visita di una fattoria didattica e di strutture turistiche d'avanguardia nella valle del Gail e a Passo Pramollo. In quella occasione gli studenti austriaci accompagneranno studenti e docenti italiani

0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori