Home / Viaggi / Tutti in carrozza con la nuova stagione del Treno storico

Tutti in carrozza con la nuova stagione del Treno storico

Si comincia, domenica 31 marzo, con il viaggio nelle città Unesco, con tappa a Palmanova e Cividale

Tutti in carrozza con la nuova stagione del Treno storico

Parte domenica 31 marzo la stagione 2019 dei treni storici, presentata ufficialmente la scorsa settimana dall'Assessore regionale al Territorio e Infrastrutture, Graziano Pizzimenti, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte i Sindici delle 32 Amministrazioni coinvolte.

Molto ricco il programma con 26 treni turistici, di cui 11 a vapore che da fine marzo a dicembre viaggeranno lungo tutte le linee del Friuli Venezia Giulia.

Ad inaugurare la stagione sarà il Treno delle città Unesco da Trieste: un mezzo con carrozze d’epoca degli anni ‘30 “Centoporte” e serie 32000 tipo 1937 con locomotiva diesel, collegherà le città Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO di Palmanova e Cividale. A disposizione oltre 240 posti.

PROGRAMMA: partenza da Trieste C.le alle ore 7.45, con fermate a Monfalcone (8.15), Cervignano (8.30) e arrivo a Palmanova, dove è prevista la prima sosta e consentirà ai viaggiatori, suddivisi per gruppi e con guide turistiche, di visitare il sistema difensivo della città fortezza. Partendo dalla Stazione Ferroviaria, si andrà verso Porta Udine (una delle tre porte monumentali di accesso alla città), passando sotto l’acquedotto veneziano e la zona delle cascatelle sulla Roggia de Palma. Proseguendo sui Bastioni, tra la prima e la seconda cinta muraria, lungo il fossato, si giungerà alla zona della gallerie sotterranee di contromina e alla Sortita e Loggia di Baluardo Donato. Risalendo i percorsi utilizzati dalle milizie veneziane, dal belvedere sarà possibile ammirare, nella sua totalità, il complesso sistema difensivo della Fortezza realizzato dalla Repubblica di Venezia e completato nel periodo napoleonico.

Alle ore 11.10 si ripartirà alla volta di Udine, qui il viaggio continuerà sulla littorina della Ferrovia Udine-Cividale, che porterà i turisti a visitare la città ducale, prima capitale longobarda.

Dopo la sosta per il pranzo, alle 13.45 il programma turistico riprenderà con visita al Duomo e descrizione della città a cura del Direttore del Museo Cristiano.

Dalle ore 14.45 sarà possibile accedere alle mostre “Tesori ritrovati” e “Burattini postali” con ingresso libero. A seguire visita libera della città o dei siti UNESCO (Tempietto longobordo, Monastero di Santa Maria in Valle, Museo Cristiano, Museo Archeologico Nazionale, con ingresso a tutti i siti con biglietti a prezzo speciale di 6 €).

Alle 16.45, prima di ripartire, sarà possibile recarsi al Museo della Grande Guerra ospitato nella vecchia stazione ferroviaria di Cividale.

Durante il viaggio in treno, informazioni e approfondimenti di storia, tecnica e cultura ferroviaria da parte di componenti dell’Associazione Museo-Stazione Trieste Campo Marzio.

Il ritorno è previsto alle 17.12 da Cividale, alle 18.00 da Udine, alle 18.00 da Palmanova, alle 18.35 dalla stazione di Cervignano - Aquileia – Grado, alle 18.50 da Monfalcone e alle 19.20 a Trieste.

Biglietti: tariffa unica, corsa A/R adulto 10 € - ragazzo 5 € (4-12 anni); è prevista la gratuità per i bambini (0-4 anni); il titolo di viaggio del treno storico non è utilizzabile sui treni regionali.

E' possibile acquistare i biglietti dal 23 marzo attraverso tutti i canali di vendita Trenitalia: sul sito www.trenitalia.com, presso le biglietterie e le self service in stazione, nelle agenzie di viaggio abilitate.

Informazioni:

Visita a Palmanova: Infopoint Palmanova di PromoTurismo FVG  - tel. 0432.924815 info.palmanova@promoturismo.fvg.it

Visita a Cividale del Friuli: Ufficio Turismo Cividale del Friuli - tel. 0432.710422 turismo@cividale.net  // Informacittà Cividale - tel. 0432.710460 informacitta@cividale.net

0 Commenti

L'APPELLO

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori