Home / Calcio dilettanti / Finale con i fuochi d'artificio

Finale con i fuochi d'artificio

CARNICO AMATORI - Conclusa l’edizione 2013: ecco le ultime promosse, sabato le premiazioni

Finale con i fuochi d\u0027artificio

Il sipario è pronto a calare. Dopo un’edizione 2013 ricca di emozioni, il Carnico Amatori si prepara a mettere in archivio la sua diciottesima stagione, pronto per ripartire di slancio nella prossima primavera. L’atto conclusivo dell’annata è rappresentato dal triangolare fra le vincitrici dei gironi, in programma a Paularo sabato 28 settembre, con a seguire le premiazioni di tutte le squadre che hanno partecipato. Dopo cinque mesi di emozioni, il campionato è terminato con lo scudetto dell’Ibligine, al secondo titolo di fila e quarto nella sua storia. Vediamo, con il consueto apporto preziosissimo del sito amatori.carnico.it, che cosa ha raccontato l’atto conclusivo del Carnico Amatori 2013.

ECCELLENZA. Con tutti i verdetti già emessi, l’ultima giornata di campionato aveva un sapore puramente statistico. Ma, in ogni caso, gli spunti di interesse non sono mancati. I freschi campioni dell’Ibligine, dopo 16 risultati utili di fila, cadono sul campo del Cedarchis che, oltre ai sigilli di Tarussio e Tassotti, beneficia dell’ispirazione di De Tonia, abile a firmare una bella doppietta; ai neoscudettati-bis la consolazione dei gol di Polonia e Vidotti. Al Quadrifoglio chiude il suo torneo con un pareggio interno contro il già retrocesso Davar, con le firme sul match a opera di Bordignon e Not. Protagonista per lunghi tratti nelle vesti di prima in classifica, il Venzone si toglie quantomeno la soddisfazione di salire sul podio, difendendo il terzo posto in graduatoria grazie al poker esterno di Malborghetto propiziato da Bertino, Ciorba, Clapiz e Squassina, mentre i ragazzi di mister Sandro Menis vanno a bersaglio per due volte con Michele Gregorutti. Blitz esterno anche dell’Arta, corsara a Illegio con le marcature di Falzari e Paolo Quaglia (due volte); gli Sclapeciocs archiviano un torneo molto positivo per una debuttante assoluta e la sconfitta interna con i termali - è Del Fabbro a salvare l’onore tolmezzino - non va a compromettere un cammino con tanti sorrisi. Con la salvezza già in tasca, il Tilly’s Pub si scatena a Cavazzo: il fanalino Cesclans - marcatore Gonano - è travolto dalle doppiette di Schiratti e Marco Straulino, con il punteggio arrotondato da Stefano Roi. È già tempo di pensare alla prossima stagione: riuscirà l’Ibligine a centrare un tris scudetto da sogno? Le rivali non saranno certamente d’accordo! RISULTATI 18° E ULTIMO TURNO: Sclapeciocs-Arta Terme 1-3, Malborghettone-Venzone 2-4, Al Quadrifoglio-Davar 1-1, Cedarchis-Ibligine 4-2, Cesclans-Tilly’s Pub 1-5. CLASSIFICA FINALE: Ibligine 29 punti, Al Quadrifoglio 25, Venzone 22, Arta Terme 21, Tilly’s Pub 20, Cedarchis 19, Sclapeciocs 16, Davar 14, Malborghettone 9, Cesclans 5. I VERDETTI: Ibligine campione Carnico Amatori 2013; Davar, Malborghettone e Cesclans retrocedono in Prima categoria.


PRIMA CATEGORIA. Come da pronostico, la terza formazione che può levare le braccia al cielo è l’Hotel Raibl Trieste. I ragazzi del presidente Maurizio Amoroso colgono il punto decisivo nella tana della capolista Celtic Scluse: alla rete ospite di Boccingher ha risposto Mario Marcon, con i tarvisiani a fare grande festa dopo il triplice fischio per il ritorno in Eccellenza dopo alcune stagioni di purgatorio. Anche l’Ama-ca si toglie ogni dubbio, rifilando un secco poker casalingo alla ‘cenerentola’ Socchieve e riconquistando prontamente la massima categoria a distanza di soli 12 mesi. A sancire la gioia cavazzina ci pensano un Bianchi in forma - doppietta per lui -, Forgiarini e Madotto, mentre per gli ospiti termina finalmente una stagione con ben pochi sorrisi. A restare con… il cerino in mano è l’Adm, che coltivava ancora qualche speranza di promozione. Agli amaresi non è sufficiente il tris rifilato ai già retrocessi Becs e che porta le firme di Muner, Vesnaver e Zoffo (rete della bandiera rosanero di Loi). Termina il campionato con una soddisfazione l’Ampezzo, capace di centrare una salvezza che, a un certo punto, sembrava quasi un miraggio. I bianconeri superano tra le mura amiche il Calgaretto con i guizzi decisivi di Petris, Bassanello e Varnerin che valgono la permanenza in cadetteria dopo un torneo da brividi. Ai grigiorossi, ormai senza più stimoli, rimane la gioia di avere in squadra il capocannoniere del girone: Gianpaolo Sticotti, grazie al gol segnato in terra ampezzana, raggiunge quota 11 e stacca tutti i possibili concorrenti. Chiude con gioia la sua avventura anche la Dognese, che espugna la tana dei Crots in virtù delle segnature di Magnato, Saitta e Ballerini; tristezza, invece, tra i padroni di casa che retrocedono in Seconda dopo un ritorno da dimenticare: a nulla valgono le prodezze di Ortobelli e Ronco, i ragazzi dell’allenatore Beppino Di Centa sono costretti ad alzare bandiera bianca. RISULTATI 18° E ULTIMO TURNO: Adm-Becs Preone 3-1, Celtic Scluse-Hotel Raibl Trieste 1-1, Crots-Dognese 2-3, Ama-ca-Socchieve 4-0, Ampezzo-Calgaretto 3-1. CLASSIFICA FINALE: Celtic Scluse 26 punti, Ama-ca e Hotel Raibl Trieste 25, Adm 23, Calgaretto e Dognese 19, Ampezzo 17, Crots 13, Becs Preone 7, Socchieve 4. I VERDETTI: Celtic Scluse, Ama-ca e Hotel Raibl Trieste promossi in Eccellenza; Crots, Becs Preone e Socchieve retrocedono in Seconda categoria.

SECONDA CATEGORIA. Tutto come da copione. Oltre alla ‘freccia’ Rigolato (nella foto), che centra il record di punti di tutte e tre le serie, anche Real Tolmezzo e Tercal brindano alla promozione. I ragazzi di mister Fabio Nait calano un pokerissimo che non ammette repliche sul campo del fanalino Paularo: assoluto protagonista Fabio Rainis, che travolge gli avversari con una cinquina e si aggiudica sul filo di lana lo scettro di cannoniere principe della categoria. Che soddisfazione! La Tercal, invece, approfitta del fatto che l’Atletico Bancone giunge a Tolmezzo con soli 8 elementi a disposizione, due dei quali si infortunano a partita in corso: dopo 53 minuti di gioco, arriva anzitempo il triplice fischio che regala a Daniele Petri e compagni il pronto ritorno in cadetteria. Per i tarvisiani di mister Gabriello Andreana, un finale di stagione da dimenticare. Il Betania aggancia il quarto posto, imponendo sul proprio campo il pari alla capolista Rigolato, che così termina l’annata da imbattuto: Morocutti porta in vantaggio gli ospiti, lo scatenato Del Vecchio ribalta le sorti dell’incontro, Gino Candido lo riequilibra, ancora Del Vecchio prima sbaglia un rigore e poi porta i suoi sul 3-2, sino al definitivo pareggio a opera di Cinello. Assieme ai tolmezzini, termina a quota 22 punti anche l’Spqr Zuglio, abile a sbarazzarsi tra le mura amiche degli Amators Glemone con Del Fabbro in doppia marcatura, Cimador e Massimo Quaglia; punto della bandiera gialloblu di Venturini. Dopo ben 13 turni di astinenza, ritornano al successo anche i Nolas e Lops, vittoriosi a Moggio grazie a Zozzoli e Dionisi. RISULTATI 18° E ULTIMO TURNO: Paularo-Real Tolmezzo 0-5, Mueç-Nolas e Lops 0-2, Spqr Zuglio-Amators Glemone 4-1, Tercal-Atletico Bancone 3-0 a tavolino, Betania-Rigolato 3-3. CLASSIFICA FINALE: Rigolato 30 punti, Real Tolmezzo 26, Tercal 25, Betania e Spqr Zuglio 22, Atletico Bancone 18, Mueç 15, Nolas e Lops 9, Amators Glemone 7, Paularo 3. I VERDETTI: Rigolato, Real Tolmezzo e Tercal promossi in Prima categoria.

TRIANGOLARE E PREMIAZIONI. Sabato 28 settembre (in caso di maltempo sarà rinviato tutto al 5 ottobre), a partire dalle 15, il campo dei ‘Saletti’, a Paularo, ospiterà il tradizionale triangolare finale, intitolato quest’anno alla memoria di Gabriele Gressani, fra le vincitrici dei tre gironi: di fronte Rigolato-Celtic Scluse, poi gli scudettati dell’Ibligine affronteranno dapprima la perdente e poi la vincente del primo confronto. Dalle 18, premiazioni di tutte le società partecipanti a cura del Comitato organizzatore presieduto da Renato Damiani, mentre in seguito i padroni di casa degli Amatori Paularo offriranno una buona pastasciutta a tutti i partecipanti. Poi, calerà il sipario sulla diciottesima edizione, con un arrivederci al 2014.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori