Home / Cronaca / Amianto: entro il 2 ottobre le domande di contributo

Amianto: entro il 2 ottobre le domande di contributo

A&T 2000 offre assistenza nella redazione di tutti i documenti necessari

Amianto: entro il 2 ottobre le domande di contributo

Il prossimo 2 ottobre scade il termine fissato dalla Regione per la presentazione delle domande di contributo da parte delle imprese per la rimozione e lo smaltimento dell’amianto presente su edifici di proprietà. Con l’intento di fornire un servizio utile alle imprese interessate, A&T 2000 offre assistenza nella redazione di tutti i documenti necessari a presentare la domanda di contributo e nella successiva rendicontazione.
Il servizio viene reso attraverso un’unità interna specializzata nella gestione dei rifiuti speciali che, per quanto riguarda in particolare l’amianto, recentemente ha fornito supporto ai privati cittadini per la richiesta di un analogo contributo regionale che scadeva il 31 luglio e negli anni passati si è occupata di gestire attività similari connesse ad un contributo provinciale.
I lavori legati alla bonifica, rimozione, trasporto e smaltimento dell’amianto vengono svolti attraverso la collaborazione di una ditta specializzata che opera sotto la supervisione di A&T 2000 e che dispone, oltre che delle necessarie autorizzazioni, anche degli strumenti organizzativi adeguati per una gestione economica, di qualità e secondo i requisiti di Legge.
Trattandosi di rifiuti speciali, A&T 2000 svolge questa specifica attività agendo sul libero mercato e per questo è in grado di effettuare il servizio a favore di tutte le imprese della Regione, anche site in Comuni al di fuori del proprio bacino di utenza dei rifiuti urbani.
L’entità del contributo è del 50% delle spese, massimo 15.000 €, per le micro-imprese; del 40% delle spese, massimo 30.000 €, per le piccole e medie imprese; del 30% delle spese, massimo 40.000 €, per le grandi imprese.
Per informazioni, è possibile rivolgersi all’ Ufficio rifiuti speciali di A&T 2000, telefono 0432 699617, email: rifiuti.speciali@aet2000.it.
Le attività legate ai rifiuti speciali, e all’amianto in particolare, oltre a fornire un servizio utile per i privati e le imprese, rivestono un’importanza sotto il profilo ambientale in quanto disincentivano l’abbandono di questi rifiuti, che nel caso dell’amianto presenta dei particolari profili di pericolosità. Questo può avere conseguenze positive anche sui bilanci comunali in quanto l’abbandono di amianto è un reato che comporta costose attività di bonifica, che vanno a ricadere sulla collettività. L’auspicio è, quindi, che la possibilità di ricevere specifici contributi incentivi la bonifica degli edifici con presenza di amianto attraverso una corretta gestione di questo pericoloso rifiuto.

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori