Home / Cronaca / Ancora un suicidio in carcere a Udine

Ancora un suicidio in carcere a Udine

Un 18enne pakistano, accusato di stalking, subito soccorso, è morto in ospedale

Ancora un suicidio in carcere a Udine

Si è tolto la vita nella sua cella e a nulla sono valsi i tentativi di salvargli la vita di chi l'ha trovato agonizzante nella sua cella del carcere di Udine e dei sanitari che lo hanno soccorso e trasportato all'ospedale del capoluogo friulano. E' morto così un 18enne di orgini pakistane, in carecere per stalking e aggressione ai danni dell'ex amante. In Italia da tre anni, il giovane aveva conosciuto un'italiana con la quale aveva intrecciatouna relazione. Quando la donna, già impegnata con un altro uomo, aveva posto fine alla relazione, il 18enne ha reagito aggredendola più volte, fino a puntarle un coltello alla gola.
L'episodio, costato alla donna 30 giorni di prognosi, aveva spalancato le porte del carcere per il 18enne. Dopo pochi giorni il tragico epilogo sul quale la Procura di Udine ci vuole vedere chiaro e ha predisposto accertamenti. Anche il quel caso la Procura friulana aveva predisposto l'autopsia sul corpo della vittima.
Poche settimane fa un detenuto transessuale brasiliano aveva scelto di farla finita, sempre all'interno del carcere udinese di via Spalato, dove da tempo i sindacati degli operatori di sicurezza lamentano una situazione difficile per detenuti e addetti ai lavori.
Per quel che riguarda la casistica dei fenomeni, nel 2016 in Friuli Venezia Giulia su un totale di 614 detenuti si sono registrati 124 atti di autolesionismo e 9 tentati suicidi. Il penitenziario con il più alto tasso di autolesionismo, sempre nel 2016, è stato quello di Udine (82 casi su 128 detenuti), mentre quello di Tolmezzo non ha registrato alcun episodio. Nel dettaglio, da un'analisi fatta sul periodo 2010-16, risulta che i tentativi di suicidio hanno riguardato tutti soggetti di sesso maschile, mentre l'età maggiormente rappresentata è quella giovanile, in particolare tra i 21 e i 24 anni. Sul fronte della provenienza geografica i detenuti provenienti dall'Africa e dall'Asia hanno tassi di tentato suicidio più alti rispetto agli europei e agli italiani. Da rilevare infine che, sempre nella fascia temporale 2010-16, si sono verificati 3 casi di suicidio nelle carceri del Friuli Venezia Giulia.

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori