Home / Cronaca / Casa delle Farfalle: la Provincia di Udine scende in campo

Casa delle Farfalle: la Provincia di Udine scende in campo

Incontroa palazzo Belgrado con i referenti della Coop Pavees e la prossima settimana con il sindaco di Bordano

Casa delle Farfalle: la Provincia di Udine scende in campo

Oggi l’incontro con i referenti della Coop Pavees (Ylenia Cristofoli e Luca Sicuro), la prossima settimana quello con il sindaco di Bordano Gianluigi Colomba. La Provincia di Udine si fa parte attiva per garantire continuità alle attività della Casa delle Farfalle di Bordano, la cui valenza ha assunto dimensioni tali da essere riconosciuta, tra le poche in Italia, quale giardino zoologico. Valore messo in evidenza nelle parole del presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini che, oggi, con l’assessore alla cultura Francesca Musto, il consigliere delegato alla montagna Luigi Gonano ha ricevuto a palazzo Belgrado i rappresentanti della Cooperativa Pavees che da dieci anni gestisce la struttura.

“La Casa delle Farfalle di Bordano rappresenta un patrimonio importante per la comunità locale – ha detto Fontanini -, si caratterizza per un significativo livello scientifico grazie ai progetti messi a punto negli anni. Non solo. Funge anche da elemento di attrattività per il territorio circostante e per una vasta area del Friuli. A questa ricchezza riconosciuta dall’incremento degli ingressi registrato anche nel 2013, frutto dell’impegno, del lavoro ma anche degli investimenti economici della Coop Pavese, è necessario dare una prospettiva certa. La Provincia si mette a disposizione per raggiungere questo obiettivo”.

Sostegno apprezzato dai rappresentanti della Cooperativa che, malgrado l’incognita sull’effettiva apertura della Casa delle farfalle, in questi giorni continuano a ricevere telefonate per prenotazioni di visite guidate. Un segnale di vicinanza da parte del territorio che riconosce la valenza della struttura confermata dai numeri: nel 2013 la Casa delle Farfalle ha registrato 43 mila ingressi, seconda in regione, solo al Castello di Miramare.

“Sono già 2000 le visite pianificate e alle quali – hanno affermato Cristofoli e Sicuro – vista la tempistica del bando, non siamo certi di poter dare effettiva risposta. Davvero difficile, poi, che l’assegnatario riesca a partire il 16 marzo poiché la Casa delle Farfalle necessita di una programmazione di ampio respiro. Attività in cui noi siamo comunque impegnati poiché crediamo fermamente in questo progetto”.

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori