Home / Cultura / Dieci artisti in Painting Practices

Dieci artisti in Painting Practices

Villa Gorgo di Nogaredo al Torre ospita un'interessante iniziativa sull'arte

Dieci artisti in Painting Practices

Dieci giovani artisti a confronto su temi contemporanei, impegnati a trasmettere la loro visione del mondo attraverso il linguaggio della pittura. E’ questo la formula di “Painting Practices”, la prima residenza italiana per la pratica pittorica che aprirà i battenti il 16 marzo a Villa Gorgo, a Nogaredo al Torre. Un mese di “ritiro artistico”, durante il quale le idee dei giovani pittori confluiranno in un percorso creativo che si concluderà con la realizzazione di una serie di opere che saranno poi esposte al pubblico.
Il progetto nasce dall’idea del direttore artistico Andrea Bruciati con il coinvolgimento dell’associazione culturale Guado dell’Arciduca e di un gruppo di imprenditori interessati a valorizzare le risorse storiche e culturali della regione attraverso il recupero di un’antica dimora e l’offerta di un’alternativa residenziale e formativa ai giovani artisti. L’iniziativa conta sul sostegno della concessionaria Autostar di Udine che l’ha inserita nel format “Spaziocultura”, speciale contenitore di eventi e incontri culturali promossi sul territorio oltre che a quello degli sponsor tecnici Pratic spa, Potocco spa, NT Nuove Tecnologie srl, e grazie al patrocinio di: Provincia di Udine, Comune di Udine, Comune di San Vito al Torre.  
I dieci ragazzi selezionati per Painting Practices (Sara Faccin, Anna Gramaccia, Nicolò Bruno, Adriano Valeri, Simone Zaccagnini, Barbara Prenka, Giulia Martina Serafini, Lorenzo di Lucido, Lorenzo Morri, Luca De Angelis) provengono da diversi centri formativi d’Italia. Il progetto si articola in due momenti, uno laboratoriale e l'altro espositivo. Durante il mese di residenza i partecipanti vivranno nel contesto storico e architettonico della villa e incontreranno diversi professionisti dell’arte. Saranno organizzati 4 appuntamenti domenicali (le “matinée in villa”) con esperti, curatori e critici, accessibili anche al pubblico esterno interessato a visitare i laboratori. Al termine di questa fase le porte della residenza resteranno aperte per circa un mese, dal 16 aprile al 18 maggio, durante le quali sarà possibile visitare la mostra con tutte le opere realizzate dagli autori. Dai primi di maggio, infine, una selezione dei lavori sarà trasferita a Udine per l’allestimento di una mostra in collaborazione con i Civici Musei.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori