Home / Economia / Fvg verso la mobilità elettrica

Fvg verso la mobilità elettrica

L’assessore regionale Sara Vito visita Bluenergy Group, pronta alla sfida con un progetto ad hoc per pubblico e privato

Fvg verso la mobilità elettrica

Il futuro del Friuli Venezia Giulia ha un forte potenziale “green” grazie alle opportunità della mobilità elettrica sul territorio. Ne ha parlato oggi l’Assessore regionale Ambiente ed Energia Sara Vito durante la visita alla sede centrale di Bluenergy Group in viale Venezia a Udine. Ad accompagnare l’Assessore, i vertici della multiutility luce e gas del Friuli Venezia Giulia, Gianfranco Curti storico fondatore di Bluenergy e il direttore generale Alberta Gervasio.

"Un'azienda lungimirante, che già agli inizi del 2000 aveva capito quale sarebbe stato lo sviluppo futuro nel campo delle commodities e di cui va apprezzato il fatto di aver voluto mantenere la testa in Friuli Venezia Giulia", ha commentato l’Assessore Vito. Durante l’incontro si è delineata una chiara visione per il futuro energetico della regione: gestione innovativa e consapevole delle esigenze del territorio unita a progetti di sviluppo condivisi e soprattutto sostenibili. Sostenibili appunto come la mobilità elettrica: da un lato un settore ad altissimo potenziale di crescita in cui l’interesse del consumatore è sempre più forte, dall’altro un mercato, quello italiano, ancora statico rispetto alla media europea di immatricolazioni di auto di nuova generazione.

“Il cambio di rotta nella gestione della mobilità e delle risorse non solo è un tema attuale ma è un passo fondamentale per la sostenibilità del sistema ambiente e la realizzazione di aree urbane smart - ha sottolineato Alberta Gervasio -  In Bluenergy, insieme alla consociata Ciel, siamo pronti alla sfida per il nostro territorio con un progetto ad hoc, il “Blue Drive” un sistema di ricarica per auto e veicoli elettrici capace di assicurare performance all’avanguardia sia nel settore privato (ristoranti, hotel, ospitalità) sia in quello pubblico”.

Vito, da parte sua, ha illustrato la visione della Regione in un settore strategico qual è quello dell'energia, a partire dal nuovo piano di comparto che ha aggiornato quello precedentemente in vigore dal 2000. Tra i temi affrontati, quello afferente la riqualificazione energetica degli edifici pubblici attraverso il progetto Elena. "A tal proposito - ha detto Vito - con il supporto di Area science park, stiamo completando la ricognizione sullo stato di efficientemente energetico delle strutture. Dopodiché, grazie anche ad una partecipazione regionale, si darà il via agli interventi".

Per quanto riguarda la mobilità elettrica, Vito ha ricordato che la Regione è impegnata nel sostenere, con un milione di euro, il progetto NeMo. "L'obiettivo - ha detto - è quello di procedere alla rottamazione di vetture alimentate a benzina o diesel appartenenti alle flotte pubbliche, sostituendole con auto elettriche". Con fondi ministeriali, e insieme all'Università di Trieste, la Regione sta predisponendo un piano della mobilità elettrica che prevede la sistemazione delle colonnine per la ricarica delle vetture elettriche in varie zone del Friuli Venezia Giulia.

“Siamo la società multiservizi regionale realmente radicata sul territorio - commenta Gianfranco Curti – e attraverso il nuovo progetto di mobilità elettrica desideriamo rafforzarne la nostra vicinanza ed essere fautori del cambiamento possibile in regione”. Bluenergy, infatti, è presente in modo capillare in Friuli Venezia Giulia con 12 punti vendita distribuiti in regione per essere più vicini ai clienti e alle persone. Dispone in totale di 20 uffici nel nord Italia, dà occupazione a 135 dipendenti ed ha fatto registrare nel 2017 un fatturato di 203 milioni di euro. Bluenergy conta su 140 mila utenti nel settore del gas e la distribuzione di 465 milioni di metri cubi di materiale, mentre nell'energia elettrica conta su 89 mila clienti e 600 milioni di chilowatt ora.

1 Commenti
Dan

pensa come siamo ridotti la mano sinistra non sa' quello che fa' l'altra, la regione fvg ha appena fatto un contratto di noleggio per le auto di servizio tutte a combustibile diesel faranno circa 1000 automezzi.

Cronaca

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori