Home / Economia / Snidarcig: "Estranei alla vicenda del Sauvignon"

Snidarcig: "Estranei alla vicenda del Sauvignon"

Interviene uno dei 17 produttori che ieri hanno subito il controllo dei Nas

Snidarcig:  Estranei alla vicenda del Sauvignon

Tra i produttori vinicoli che ieri hanno ricevuto la visita dei carabinieri dei Nas sull'inchiesta legata all'adulterazione del Sauvignon, il primo a intervenire è Roberto Snidarcig (nella foto), titolare dell'azienda Tiare di Dolegna del Collio.

"In relazione alle notizie apparse oggi sui media - scrive in una nota - relativa al presunto utilizzo nel Sauvignon di esaltatori di aromi, precisiamo che siamo completamente estranei alla vicenda, che danneggia gravemente la nostra reputazione. Ieri sono stati fatti dei controlli in 17 cantine, fra cui la nostra. Ci sono stati sequestrati lieviti indigeni ottenuti dalle nostre migliori uve dell’annata 2015, per i quali abbiamo già avanzato istanza di dissequestro".

"Siamo fiduciosi nella giustizia - conclude Snidarcig - e attendiamo sereni che si faccia chiarezza al più presto su questa vicenda che penalizza gravemente non solo la nostra azienda, ma l’intera viticoltura friulana e vanifica anni di lavoro e impegno. Abbiamo già dato incarico allo studio legale Ponti di proporre in ogni sede più opportuna azione a tutela del nostro buon nome e della nostra immagine".

Articoli correlati
0 Commenti

Cronaca

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori