Home / Spettacoli / I Maestri della Luce al festival del cinema di Venezia

I Maestri della Luce al festival del cinema di Venezia

Ieri l'omaggio ad Alberto Fasulo, regista ed autore della fotografia del film 'Menocchio', recentemente applaudito al festival di Locarno

I Maestri della Luce al festival del cinema di Venezia

Non poteva mancare anche quest’anno al Lido di Venezia la presenza del festival che celebrare il ruolo degli Autori della Fotografia del nostro tempo, i Maestri della Luce del cinema italiano contemporaneo, unica manifestazione del genere a livello nazionale. “Le giornate della Luce” – il festival di Spilimbergo ideato da Gloria De Antoni che lo dirige con Donato Guerra, ormai entrato tra gli eventi di punta all’interno del ricco panorama dei festival cinematografici della nostra regione – è stato protagonista nel pomeriggio di ieri alla Mostra del Cinema di Venezia presso l'Italian Pavilion dell’incontro dal titolo “L’eretico mugnaio”, un omaggio ad Alberto Fasulo, regista ed autore della fotografia del film “Menocchio”, recentemente applaudito al festival di Locarno.
 
Gloria De Antoni affiancata dalla produttrice Nadia Trevisan, da Laura Delli Colli, presidente dei giornalisti cinematografici italiani, e da Giancarlo Di Gregorio (di Istituto Luce Cinecittà), questi ultimi già ospiti del festival di Spilimbergo, ha dialogato con Alberto Fasulo sulla scelta della Luce in questo film, oltre che sul casting degli attori.

Il film ha un lavoro davvero impressionante su volti e sulla luce che li illumina e Fasulo ha spiegato che proprio il periodo storico in cui è ambientata la storia di Menocchio lo ha condotto a delle decisioni radicali sulla fotografia, “trovando questo mantra che mi ha accompagnato durante le riprese, ha spiegato il regista e autore della fotografia, ovvero quello di non temere l’oscurità, di cercare la luce, ma attraversa il buio: il buio racconta come la luce”. “Il mio intento primordiale – ha raccontato ancora Fasulo - era riuscire a incontrare, nel senso più ampio del termine, Menocchio: per questo ho deciso di non usare luci artificiali, di girare con “non attori”: tutti gli attori presenti nel film li ho infatti trovati nelle valli dove Menocchio ha realmente vissuto”.
 
Nell’occasione, che è stata suggellata festeggiando con il noto "dolce Mosaico" ormai patrimonio di Spilimbergo, Gloria De Antoni ha annunciato le date della prossima edizione de “Le Giornate della Luce”, in programma a Spilimbergo tra l’8 e il 16 giugno 2019, e ha lanciato il nuovo Concorso per la sigla del festival i cui termini saranno pubblicati sul sito www.legionatedellaluce.it

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori