Home / Spettacoli / I giovani friulani brillano all'estero

I giovani friulani brillano all'estero

Grazie al progetto 'Scegli il Friuli', i talenti nostrani sono valorizzati

I giovani friulani brillano all\u0027estero

Dalla cooperazione tra Fondazione Crup, Cidim (Comitato nnazionale italiano musica) e Conservatorio Tomadini di Udine è nato "Scegli il Friuli”, un percorso di valorizzazione delle eccellenze friulane attraverso un ciclo di concerti volti a promuovere in Italia e all’estero giovani musicisti della nostra regione che si sono distinti per valore artistico e riconoscimenti nazionali e internazionali.
Il prossimo appuntamento in programma è con il Duo Laura Bortolotto – (violino) e Matteo Andri (pianoforte), che si esibirà in Germania, lunedì 21 presso l'Istituto Italiano di Cultura di Amburgo alle 19, e martedì 22 settembre allo Schloss Wolfsburg, in collaborazione con l'Agenzia consolare di Wolfsburg, alle 19.30. I giovani musicisti proporranno un interessante programma, che spazia da Claude Debussy (“Sonata n. 3 in Sol min”. L 148) a Francis Poulenc (“Sonata per violino e pianoforte” op. 119) e Antonin Dvorak (“Quattro pezzi romantici per violino e pianoforte” op. 75), fino a Johannes Brahms (“Sonata n. 3, in re minore per violino e pianoforte”, op. 108).

Il progetto "Scegli il Friuli” è costituito da due sezioni: “Suono italiano”, che porta i migliori musicisti friulani ad esibirsi in prestigiose sedi e città all'estero e “Circolazione musicale in Italia”, una serie di appuntamenti con orchestre, solisti e gruppi volti a rilanciare le attività concertistiche nel nostro Paese.
Per Suono Italiano 2015, oltre a Laura Bortolotto e Matteo Andri, sono stati selezionati il Quintetto di fiati Anemos Wind Quintet; l’arpista Marta Marinelli; la trombettista Serenella Basandella e il cornista Guglielmo Pellarin.
Circolazione musicale in Italia 2015 farà esibire l'Orchestra giovanile Accademia d’archi Arrigoni, diretta da Domenico Mason, con Leo Morello (violoncello), Christian Sebastianutto (violino) e Laura Bortolotto.
L'obiettivo che accomuna le realtà promotrici è quello di dare ai migliori talenti friulani il supporto necessario affinché siano in grado di consolidare la loro presenza sulla scena musicale con un significativo elemento di novità: la sua apertura internazionale.
“E' un'iniziativa di carattere straordinario non solo per la sua dimensione internazionale, ma anche perché diventa un volano per promuovere la cultura e la musica del Friuli, ed al contempo contribuisce a “fare rete” con l'estero e a rafforzare il legame con le realtà friulane sparse in tutto il mondo – ha osservato il Presidente della Fondazione Crup, Lionello D'Agostini – Siamo felici di poter offrire ai giovani talenti musicali friulani la possibilità di esibirsi e di farsi conoscere anche all’estero, creando in tal modo delle concrete opportunità per il loro futuro lavorativo nel campo della musica”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori