Home / Cronaca / 'Lo sciopero a oltranza no Green Pass va revocato'

'Lo sciopero a oltranza no Green Pass va revocato'

La Commissione di Garanzia ribadisce le violazioni. Valenti: "Manifestazione non autorizzata, reato partecipare"

\u0027Lo sciopero a oltranza no Green Pass va revocato\u0027

Il porto di Trieste, la logistica, ma anche molti altri settori, pubblici e privati, guardano con una certa preoccupazione a domani, venerdì 15 ottobre, la data d’ingresso in vigore dell’obbligo di esibire il Green Pass sui luoghi di lavoro. Accanto ai dubbi sull’applicazione della norma, c’è un altro tema ‘caldo’, quello dello sciopero a oltranza proclamato dalla Federazione italiana sindacati intercategoriali e dalla Confederazione sindacati autonomi federati italiani.

Le due organizzazioni hanno annunciato una mobilitazione ininterrotta dalla mezzanotte di venerdì 15 alla mezzanotte del 20 ottobre. Un’astensione che la Commissione di garanzia dell'attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali aveva già di fatto bocciato invitando le organizzazioni a revocarlo.

La proclamazione, infatti, non rispetta la norma sulla 'rarefazione' che impone la distanza di almeno 10 giorni da un altro sciopero generale, anche di altre organizzazioni (in questo caso quello di ieri indetto da Usb e sindacati di base lunedì 11 ottobre). Inoltre, l’agitazione a oltranza - che durerebbe cinque giorni - vìola le disposizioni di settore. La stessa Commissione ha inviato una nota al Ministro dell'Interno in cui si esprime "particolare preoccupazione in merito agli scioperi per il possibile verificarsi, alla luce del delicato contesto sociale, di gravi comportamenti illeciti".

"Sostanzialmente quella di domani è una manifestazione presentata come sciopero. Non è stata convalidata dalla Commissione di Garanzia, quindi, è una manifestazione non autorizzata che impedisce l'accesso dei lavoratori al porto e blocca l'attività", spiega il Prefetto di Trieste, Valerio Valenti.

"Si configura cioè come interruzione di pubblico servizio, quindi è perseguibile. Per questo reato non è previsto l'arresto ma una denuncia per gli organizzatori. Auspico non si verifichino incidenti. L'attenzione deve rimanere alta. Ci sarà una presenza adeguata, rafforzata delle forze dell'ordine".

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori