Home / Cronaca / Anche il tennista Seppi tra i truffati da Gaiatto

Anche il tennista Seppi tra i truffati da Gaiatto

L'atleta è finito nella rete della Venice Investment Group perdendo oltre mezzo milione di euro

Anche il tennista Seppi tra i truffati da Gaiatto

Anche il campione di tennis Andreas Seppi è caduto nella maxi truffa della Venice Investment Group, società in mano all'ex manager del turismo di Portogruaro Fabio Gaiatto, che si è reinventato broker proponendo la compravendita speculativa di valute estere. Il 35enne altoatesino ha perso circa 662mila euro, cioè i 500mila euro di capitale versato più la rendita che il trader aveva promesso e accreditato sul conto aperto a nome dello sportivo.

A rendere nota la vicenda è stato l'avvocato di Seppi, Aldo Pardo, al Corriere della Sera. Anche il tennista, come le migliaia di altri truffati, vedeva interessi elevati sul falso sito creato dalla truffa, ma in realtà il suo investimento stava evaporando.

Periodo sfortunato per il tennista, appena uscito dagli Internazionali d’Italia contro lo spagnolo Roberto Bautista Agut. Guai in campo e anche fuori, con la perdita di più di mezzo milione di euro. Una cifra importante, anche se non determinate per un giocatore che, in carriera, ha guadagnato milioni di euro.

Ben diversa la situazioni dei 900 risparmiatori che hanno presentato querela. Gaiatto, il numero uno della Venice Investment Group con sede in Slovenia, è stato arrestato insieme a 13 complici. Dalle indagini è emerso che il broker era già stato sanzionato dalla Consob per attività illecita, che la società slovena era il punto terminale di una serie di scatole cinesi nate nelle campagne di Portogruaro, dove viveva Gaiatto, per ramificarsi in Croazia, Slovenia, Stati Uniti, Inghilterra.

Il raggiro tocca i 77 milioni di euro, ma al momento per i truffati sono rimaste sole le briciole. Il processo, che si svolge all’Aldo Moro di Cordenons e vedrà la prossima udienza il 26 maggio, ha visto patteggiare la moglie di Gaiatto, Najima Romani, per una pena di 4 anni e due mesi e i procacciatori che Massimo Baroni Ubaldo Sincovich. Gaiatto, invece, ha scelto il tiro abbreviato e sarò giudicato a breve. 

Articoli correlati
0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori