Home / Cronaca / Arrestato latitante condannato per maltrattamenti, furti e minacce

Arrestato latitante condannato per maltrattamenti, furti e minacce

La Polizia di Stato ha scovato nel suo Paese un 45enne rumeno che deve scontare sei anni di carcere per una lunga lista di reati

Arrestato latitante condannato per maltrattamenti, furti e minacce

Il 16 febbraio, la Polizia rumena, nella città di Turda, ha dato esecuzione al mandato di arresto europeo nei confronti di un 45enne rumeno, condannato a sei anni, due mesi e 14 giorni di reclusione a seguito delle sentenze dei Tribunali di Ravenna e Udine, per alcuni reati commessi fra il 2000 e il 2011.

Il soggetto, residente in provincia di Ravenna fino al 2012, quando aveva lasciato il territorio nazionale, si era distinto per una lunga lista di episodi violenti, che lo anno portato a numerose denunce per maltrattamenti nei confronti di famigliari, atti persecutori, simulazione di reato, ricettazione, furto aggravato, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale e guida senza patente.

In particolare, aveva maltrattato più volte la convivente, violenze che avevano richiesto l’intervento delle forze dell'ordine e le cure sanitarie. Ma aveva compiuto atti persecutori anche nei confronti di una giovane, residente nel Ravennate, che le avevano provocato una grave forma di stress.

Era poi stato arrestato per furto aggravato di apparati elettronici, d'ingente valore, rompendo con violenza i sistemi antitaccheggio in un negozio di una nota catena di distribuzione. Si segnalano, poi, minacce e resistenza nei confronti della Polizia locale di Ravenna, che lo aveva fermato per un controllo. Poi, a Malborghetto, era stato denunciato per  guida senza patente, mentre era alla guida di un veicolo di proprietà di un connazionale.

A seguito del provvedimento di condanna, le indagini - con il concorso della Direzione Centrale della Polizia Criminale, Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia - hanno permesso di accertare che l'uomo, senza una fissa dimora, era tornato nel suo Paese. Proprio lì è stato arrestato; ora sono in corso le procedure per l'estradizione.

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori