Home / Cronaca / Assunzioni sì, ma con contratti precari

Assunzioni sì, ma con contratti precari

I sindacati Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil sono piuttosto critici

Assunzioni sì, ma con contratti precari

I sindacati Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil sono piuttosto critici sulle notizie che riguardano le nuove assunzioni sul territorio regionale. Secondo i rispettivi rappresentanti Sergio Drescig, Gianpaolo Roccasalva e Luigi Oddo, la maggior parte avverrebbero con contratti a tempo determinato e attraverso le agenzie interinali. Gli incrementi occupazionali sono temporanei e spesso di breve durata, in alcuni casi si rinnovano di mese in mese e comunque non determinano cambiamenti di rotta.
I sindacalisti segnalano però una “mosca bianca”: il gruppo Bosch, che comprende la Freud con 500 dipendenti in 4 stabilimenti a Feletto Umberto, Colloredo di Monte Albano, Fagagna e Martignacco, periodicamente assume nuovo personale. Ogni due anni regolarizza a tempo indeterminato una decina di nuovi addetti.
Tuttavia, sulle assunzioni a tempo indeterminato, secondo Roccasalva incombe sempre il Jobs act che consente alle aziende di licenziare senza problemi i nuovi assunti. La situazione occupazionale dipinta dai sindacati in questo momento è di immobilismo generalizzato. Come spiega Oddo, nelle aziende di grandi dimensioni c’è una stabilizzazione perché hanno già raggiunto il tetto massimo di forza lavoro. Non ci sono elementi particolari di crisi perché il ricorso agli ammortizzatori sociali è diminuito come previsto dalla nuova normativa sul lavoro, che impone un dosaggio molto più accurato nell’utilizzo di questi strumenti.


Drescig, dal canto suo, parla di luci e ombre per la metalmeccanica del Fvg. In occasione del 12° congresso regionale della Fim, in programma venerdì 7 aprile alle 9.30 al Belvedere di Tricesimo, sarà fatto il punto sulle molte aziende che stanno uscendo lentamente dalla crisi, ma permangono situazioni di estrema difficoltà, con il rischio di tornare ai livelli produttivi pre crisi senza un parallelo recupero dei posti di lavoro, sostituiti da macchinari più moderni in grado di svolgere le mansioni esecutive e routinarie fino ad oggi degli operai.

Articoli correlati
0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori