Home / Cronaca / Consuma per errore una pianta velenosa, muore intossicato

Consuma per errore una pianta velenosa, muore intossicato

Non ce l'ha fatta Valerio Pinzana, 62enne di Travesio che conosceva molto bene le erbe spontanee e il territorio

Consuma per errore una pianta velenosa, muore intossicato

Fatale per un uomo di 62 anni di Travesio, Valerio Pinzana, l’ingestione di una pianta velenosa che aveva raccolto pensando si trattasse di un'erba commestibile. Stando alle prime ricostruzioni si sarebbe trattato di colchico, o croco, conosciuto anche come 'falso zafferano' o 'arsenico vegetale', confondendolo con l'aglio orsino.

Forte della sua padronanza in fatto di piante spontanee, escursionista profondo conoscitore del suo territorio, aveva cucinato con quell'erba il pranzo, poi consumato insieme alla compagna, lo scorso 29 marzo.

Poi i primi sintomi, per entrambi, scambiati inizialmente per un altro tipo di patologia, anche perché la donna si trovava in isolamento per aver contratto il Covid. L’uomo è stato ricoverato prima nell'ospedale di Spilimbergo poi le sue condizioni si sono aggravate fino a perdere la vita, questa mattina, nel reparto di terapia intensiva di Pordenone dove era stato trasferito.

Tecnico della Snam Rete Gas, Pinzana lascia il padre, due fratelli, un figlio e la compagna, che è riuscita a salvarsi dall'avvelenamento.

1 Commenti
gipa

È un po difficile confonderlo con l' aglio orsino. Forse pensava che fosse zafferano visto che il crocus e lo zafferano differiscono poco fra loro

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori