Home / Cronaca / Ecco la rompighiacci Laura Bassi

Ecco la rompighiacci Laura Bassi

A Trieste Next la nuova nave oceanografica da ricerca dell'Ogs supporta tutta la comunità scientifica nazionale

Ecco la rompighiacci Laura Bassi

A Trieste, cerimonia di presentazione della nave "Laura Bassi", che si occuperà, per conto dell'Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, di attività di ricerca nell'Artico e nell'Antartico. Al taglio del nastro hanno preso parte il ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Lorenzo Fioramonti, la presidente di Ogs, Maria Cristina Pedicchio, il governatore Fvg Massimiliano Fedriga, il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, e numerose autorità civili, militari e religiose.

"Oggi ho avuto l'onore di inaugurare la nuova nave oceanografica da ricerca dell'Ogs, a supporto di tutta la comunità scientifica nazionale, in occasione di Trieste Next, il Festival della ricerca scientifica, giunto all’ottava edizione2, ha detto il ministro Fioramonti. "E' oggi l’unica nave italiana in grado di operare in mari polari, sia in Antartide sia in Artico. È una nave rompighiaccio conforme alle nuove regole internazionali per l’accesso delle navi alle aree polari (il cosiddetto ‘PolarCode’) e riesce ad accedere alle aree di mare coperte da ghiaccio, cosa che in passato non era mai stata possibile con navi italiane. Svolgerà anche attività di supporto logistico della base italiana “Mario Zucchelli” nel Mare di Ross in Antartide".

"Laura Maria Caterina Bassi Veratti, nata il 29 ottobre 1711 a Bologna, fu la seconda donna laureata d'Italia dopo la veneziana Elena Lucrezia Cornaro, la prima nel Paese a intraprendere una carriera accademica e scientifica, addirittura la prima al mondo a ottenere una cattedra universitaria", ha ricordato il ministro.

"Il futuro del Friuli Venezia Giulia poggia su due asset fondamentali, la logistica e la ricerca, sui quali l'impegno delle istituzioni pubbliche e dei soggetti privati deve convergere al fine di creare opportunità di sviluppo per il territorio e prospettive occupazionali per le nuove generazioni", ha dichiarato il governatore Massimiliano Fedriga.

Nell'occasione, Fedriga ha ricordato il ruolo attivo dell'Amministrazione regionale che, attraverso l'intensificazione delle relazioni di vicinato con i Paesi dell'Europa centro-orientale, mira a favorire gli investimenti in una regione percorsa da due corridoi europei e dotata di aree portuali extradoganali.

Volgendo lo sguardo al vicino Porto vecchio di Trieste, il governatore ha quindi salutato i presenti con l'auspicio che le istituzioni "sappiano sfruttarne le potenzialità per farlo diventare cuore pulsante dell'economia regionale, valorizzandolo nelle rinnovate vesti di polo per il terziario avanzato".

1 Commenti
luca-DUCK

Ce biel barcon! Cun la sciencie la' di drenti e la nobiltat la di fur. Magari un tant masse pitturade di ros e cun il "savoir" no propote erga omnes ma bellissima di sigur!!!

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori