Home / Cronaca / Gorizia, aggredito il conducente di un bus

Gorizia, aggredito il conducente di un bus

Un passeggero ha dato in escandescenza alla richiesta di Green Pass e mascherina. Solidarietà del Sindaco Ziberna

Gorizia, aggredito il conducente di un bus

Questa mattina a Gorizia si è registrata un aggressione ai danni di un conducente di linea che, a un passeggero, aveva chiesto d’indossare la mascherina e di esibire il Green Pass. Per tutta risposta, l’autista del bus è stato prima insultato e poi colpito con un pugno.

Protagonista della vicenda, avvenuta intorno alle 10 nel piazzale della stazione, un cittadino straniero che, al momento del controllo prima di salire a bordo dell’autobus, ha dato in escandescenza. Immediato l’intervento delle forze dell’ordine e della Polizia locale.

Il conducente è stato medicato in pronto soccorso ma, per fortuna, non ha riportato conseguenze serie. Resta, però, la gravità del gesto, stigmatizzato dal Sindaco Rodolfo Ziberna.

“Piena solidarietà al conducente del mezzo pubblico aggredito solo perché faceva rispettare la legge", commenta Ziberna. "Sono questi i sentimenti che ho immediatamente testimoniato a nome della città al dipendente per il tramite della Presidente di Apt Caterina Belletti”.

“Ci troviamo ormai quotidianamente di fronte a una violenza inaccettabile, verbale e a volte fisica, che non può essere mai giustificata. A farne le spese, spesso, sono persone che svolgono solo il loro lavoro: commesse, autisti, custodi, medici, infermieri e dipendenti pubblici. A loro tutta la mia solidarietà. Non è possibili avere paura di lavorare".

"I violenti devono essere isolati e la condanna deve essere forte e chiara, senza se e senza ma. Qui non ci troviamo più di fronte a divergenza di opinioni, ma a qualcosa di ben più grave che va fermato. È ciò che chiederò anche al Prefetto e Questore”, conclude Ziberna.

3 Commenti
malipavel

... in realtà il conducente del bus ha l'autorità di richiedere il Green Pass ed in caso non sia in regola deve far scendere il passeggero. In caso di problemi far intervenire le forze dell'ordine.

MAMODIN

Il conducente ha fatto bene a ricordare al "tizio" di indossare la mascherina, ma non ha autorità per chiedere l'esibizione del Green pass né ha gli strumenti per verificarne la validità. Con ciò non giustifico ovviamente il pirla che ha dato di matto, ma vorrei invece consigliare tutti coloro che si troveranno in una situazione analoga di non mettersi in una situazione analoga. L'autista doveva esclusivamente chiamare la polizia. E tutto di sarebbe risolto senza danni. Il pirla veniva accompagnato dai signori in divisa (magari a lavorare in una miniera) e l'autista sarebbe senza pugno. Un'altra cosa: ma perché si deve ancora spendere tempo e bile per chiedere di rispettare una regola dopo che ogni finestrino di autobus, ogni vetrina di uffici o negozi espongono divieti e obblighi? E soprattutto dopo che da DUE anni siamo costretti a seguire sempre le stesse norme? I tanti PIRLA ancora in circolazione ce l'hanno il cervello? Devo insegnargli io (autista, infermiere, commesso....) come si fa? Ancora dopo due anni e mille avvisi? Che si fottano. Si chiama la polizia e che si arrangino!

Mag64

Sono dei comportamenti fuori di ogni logica. Devono essere fermati. Ormai si pensa che con un pugno o un insulto si risolve tutto

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori