Home / Cronaca / Gorizia, nessun bimbo sarà escluso dai centri estivi diffusi

Gorizia, nessun bimbo sarà escluso dai centri estivi diffusi

Ottime notizie sul fronte dei contagi: nessun nuovo caso in città né nel resto dell'Isontino

Gorizia, nessun bimbo sarà escluso dai centri estivi diffusi

"Il peggio, sotto l'aspetto sanitario, sembra essere passato, al punto da far dire a qualche eminente medico, che il virus starebbe scomparendo", commenta da Gorizia il sindaco Rodolfo Ziberna. "Visto che i cosiddetti esperti ci hanno abituato a tutto e al contrario di tutto, noi rimaniamo cauti e ci attendiamo alle indicazioni della sanità regionale. Molto cauti. Ma, come ho detto più volte, dobbiamo riprenderci la vita. Guai se non lo facessimo. I danni sarebbero incalcolabili. E non è facile. Anzi".

"Sono momenti molto duri per tanta gente e dobbiamo dare il massimo per sostenere soprattutto chi, fra famiglie ed attività economiche, sta affrontando le maggiori difficoltà. Come Comune, dall'inizio stiamo cercando di mettere in campo tutte le risorse e azioni possibili e continuiamo a farlo. Questa sarà una settimana importante, in cui presenteremo l'organizzazione dei centri estivi diffusi, che non lasceranno fuori nessun bambino, ulteriori azioni di sostegno all'economia, progetti urbanistici e altri interventi. Interverremo anche sulla sanità".

"Ma stiamo agendo anche su altri fronti. In questo giorni ho parlato con l'amico deputato Guido Pettarin sull'urgenza di attivare voucher semplificati o strumenti analoghi, oltre che per l'agricoltura, anche per il commercio e la ristorazione. Con le disposizioni anticontagio e i problemi economici sopravvenuti con le chiusure molti esercenti, commercianti e ristoratori non sono in grado di assumere personale con le attuali normative, non hanno i soldi neppure per l'affitto piuttosto che per le bollette e si ritrovano a lavorare anche per più di 10 ore continue da soli. Non solo. Sono anche costretti, in alcuni casi, a evitare di ampliare l'attività perché non possono permettersi di pagare dipendenti. Con i voucher potrebbero, come in passato, dare lavoro a ore consentendo anche a diverse persone di percepire qualche soldino. Bisogna essere realisti, in questo momento dobbiamo favorire al massimo la ripresa economica e sono sicuro che anche i sindacati faranno la loro parte".

"La situazione è difficile e le tensioni sociali rischiano di andare fuori controllo se non si sarà in grado di dare risposte adeguate ai cittadini. Ottime notizie sul fronte dei contagi: nessuno nuovo né in città né nel resto dell'Isontino. Un grande abbraccio domenicale", conclude Ziberna.

0 Commenti

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori