Home / Cronaca / Incendio alla Snua, valori sotto la soglia di pericolo

Incendio alla Snua, valori sotto la soglia di pericolo

Notizie confortanti dagli ultimi campionamenti eseguiti dall'Arpa Fvg. I dati sono inferiori allo standard ritenuto accettabile

Incendio alla Snua, valori sotto la soglia di pericolo

Le misurazioni con contaparticelle effettuate nella tarda mattinata di oggi confermano il progressivo miglioramento della qualità dell'aria nelle zone a maggior ricaduta di inquinanti durante le fasi più intense dell'incendio dello stabilimento Snua di Aviano.

Nei campioni d’aria prelevati con sacche nella giornata di ieri si riscontra una situazione normalizzata, con concentrazioni di qualche inquinante decisamente al di sotto dei valori critici. Anche nelle altre sacche prelevate nelle zone abitate più centrali del Comune di Aviano e in prossimità della Base Usaf non si riscontra la presenza di particolari inquinanti, specie quelli derivanti dall’incendio di sabato sera.

Le sostanze rilevate, oltre ai tipici composti ascrivibili alla combustione di sostanza organica, sempre in concentrazioni contenute, possono essere ricondotte a composti che si ritrovano normalmente nell’aria urbana di qualsiasi città.

Questi ultimi dati confermano che nella zona interessata all’incendio non si ravvisano particolari problematiche ambientali per i parametri analizzati. Arpa ritiene pertanto conclusa la fase di verifica in campo.

Le analisi sui campioni prelevati domenica per la determinazione delle diossine sono ancora in corso e si ultimeranno indicativamente a metà settimana.

Restano comunque in vigore, in via prudenziale, le misure adottate tramite ordinanza dai sindaci di Aviano, Roveredo in Piano e San Quirino.

Ecco le raccomandazioni sui comportamenti da tenere nelle zone coinvolte, fino agli esiti delle analisi sulla composizione delle polveri. 

1. Tenere chiusi gli infissi esterni e uscire di casa per l’effettiva necessità;
2. Sospendere la raccolta e il relativo consumo di frutta e ortaggi come pure il prelievo idrico a fine irriguo da pozzi e vasche non protetti;
3. Non consumare uova e carne di pollame allevati in aia;
4. Non effettuare attività di giardinaggio e tenere gli animali domestici in casa;
5. Se possibile non far giocare i bambini all’aperto e impedire il contatto delle mani con il suolo;
6. Vietare il pascolo e lo sfalcio.



Articoli correlati
0 Commenti

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori