Home / Cronaca / Infiltrati alle manifestazioni 'no Green Pass', emessi 12 fogli di via da Trieste

Infiltrati alle manifestazioni 'no Green Pass', emessi 12 fogli di via da Trieste

Le forze dell'ordine hanno identificato 1.500 persone in arrivo in città. Fermati appartenenti a CasaPound, all'estremismo di destra e all'area anarchica

Infiltrati alle manifestazioni \u0027no Green Pass\u0027, emessi 12 fogli di via da Trieste

Dopo l’allarme per la possibile presenza di gruppi estremisti a Trieste, in occasione delle manifestazioni ‘no Green Pass’, poi annullate dagli organizzatori del Coordinamento 15 ottobre, le forze dell’ordine hanno messo in atto un capillare controllo degli arrivi, specie in vista del corteo ‘fantasma’ non autorizzato - annunciato sui social per questa mattina, con l’invito a raggiungere Trieste da tutte le città italiane – che poi non si è tenuto.

Le azioni preventive e repressive si sono sviluppate tenendo conto anche delle evidenze info-investigative di un arrivo di circa 300 persone, appartenenti a gruppi estremisti, che si sarebbero potuti infiltrare nei cortei, destabilizzandoli e mettendo in atto azioni di vera e propria guerriglia urbana.

Importante la collaborazione con le Questure di altre città e con gli organi di Polizia slovena, austriaca e croata, che hanno portato anche a un rafforzamento dei controlli a ridosso della fascia confinaria e all’attuazione di posti di controllo in undici punti strategici di accesso alla città.

Complessivamente, sono state identificate 1.500 persone. Il Questore di Trieste ha emesso 12 fogli di via obbligatori, otto dei quali nei confronti di appartenenti al movimento CasaPound provenienti da varie città italiane, due nei riguardi di anarchici provenienti da Trento, fermati a bordo di un camper nell’area del Porto Vecchio, e due a carico di estremisti di destra arrivati in treno. Uno di questi è stato anche denunciato alla locale Procura per il possesso ingiustificato di oggetti atti a offendere: aveva con sé una maschera antigas, un coltello multiuso, un cacciavite, una bomboletta spray e un caschetto.

Attualmente in piazza dell’Unità d’Italia sono presenti circa 200 manifestanti, dopo che nelle prime ore della mattina era stato operato lo sgombero di 20 persone accampate davanti al Palazzo della Regione.

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori