Home / Cronaca / Obbligo vaccinale, respinti i ricorsi dei 'no vax'

Obbligo vaccinale, respinti i ricorsi dei 'no vax'

La Corte Costituzionale ha ritenuto inammissibili sia le richieste dei sanitari sia quelle delle altre categorie

Obbligo vaccinale, respinti i ricorsi dei \u0027no vax\u0027

La Corte Costituzionale ha ritenuto inammissibili tutti i ricorsi presentati contro gli obblighi vaccinali.

Come si legge in una nota, anticipata dalla stessa Consulta in attesa del deposito della sentenza, "è inamissibile, per ragioni processuali, la questione relativa alla impossibilità, per gli esercenti le professioni sanitarie che non abbiano adempiuto all’obbligo vaccinale, di svolgere l’attività lavorativa, quando non implichi contatti interpersonali".

"Sono state ritenute, invece, non irragionevoli, né sproporzionate, le scelte del legislatore adottate in periodo pandemico sull’obbligo vaccinale del personale sanitario".

"Ugualmente non fondate, infine, sono state ritenute le questioni proposte con riferimento alla previsione che esclude, in caso di inadempimento dell’obbligo vaccinale e per il tempo della sospensione, la corresponsione di un assegno a carico del datore di lavoro per chi sia stato sospeso; e ciò, sia per il personale sanitario, sia per il personale scolastico".

Scattano da oggi, per chi era tenuto a vaccinarsi contro il Covid e non l'ha fatto, anche le multe. Sono, infatti, scaduti i 180 giorni fissati per giustificare il mancato adempimento all'obbligo vaccinale.

Si tratta di professori, operatori sanitari, forze dell'ordine e over 50 che dovranno pagare una sanzione pari a 100 euro a testa. In base ai dati diffusi a livello nazionale, la quota di 'no vax' è stata più forte in alcune regioni: la maglia nera, in termini di multe agli over 50, va proprio al Friuli Venezia Giulia, seguito dalla Calabria e dall'Abruzzo.

Tra i territori più virtuosi ci sono Puglia, Lazio, Toscana e Molise, con percentuali delle persone che si sono vaccinate almeno con due dosi che superano il 90% nella fascia di età tra i 50 e i 59 anni.

2 Commenti
michio_@hotmail.com

La storia che si ripete, un corte di Ponzi Pilati che ha espresso una sentenza politica prevedibile. In Grecia, Spagna e altri stati dove il potere giudiziario è più indipendente e meno servile quello politico, per esempio è andata diversamente

gipa

Non avevo dubbi al ruguardo. Salvo pochi con la schiena dritta, la maggior parte sono tutti novantagradisti. Con buona pace della nostra tanto vituperata costituzione.

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori