Home / Cronaca / Obiettivo poltrona, uno su mille ce la fa

Obiettivo poltrona, uno su mille ce la fa

Assalto al concorso: quasi duemila candidati parteciperanno alla selezione per due posti nei Centri per l’Impiego della regione

Obiettivo poltrona, uno su mille ce la fa

L’appuntamento è per martedì 28 maggio, alle 9, al Palazzetto dello Sport di Chiarbola, a Trieste. E per il giorno dopo, sempre al PalaChiarbola, alle 9 e poi alle 13. Potrebbero essere in 1.891, al massimo.

Tutti pronti, schierati, ai nastri di partenza, per correre alla conquista di due poltrone. Appunto: una poltrona per mille. Anche se poi la poltrona non è proprio tale. Anzi, forse non è per niente una poltrona e sarebbe meglio paragonarla a una seggiola o al massimo a una - più o meno - comoda poltroncina.

Perché quello che inseguono i 1.891 candidati che si sono dati appuntamento a Trieste è un posto per “assistente” o per “specialista” amministrativo economico “per le esigenze della Direzione Centrale Lavoro, Formazione, Istruzione e Famiglia” della Regione Friuli Venezia Giulia.

Fuor di burocratese, quello che inseguono è uno dei posti di lavoro messi a bando dalla Regione per rafforzare i Centri per l’Impiego. Il 28 e il 29 maggio ci saranno le preselezioni e 250 candidati per ciascun bando saranno ammessi alle successive prove scritte. Le assunzioni dovrebbero essere in tutto una trentina, stando a quanto ha annunciato l’assessore Alessia Rosolen fin dallo scorso autunno. Ma si sa come vanno queste cose: burocrazia, incertezze normative, nuove misure governative, variazioni di scenario economico, eccettera eccetera, e così, alla fine è prevalsa la prudenza del buon padre di famiglia, o quella della buona amministrazione, che poi sono un po’ la stessa cosa.

I 30 posti, almeno per il momento, si sono ridotti a due: uno (e torniamo al burocratese) di categoria C per diplomati e uno di categoria D per laureati. Poi si vedrà: nel ginepraio di norme e regolamenti la Regione sta cercando di trovare la strada per aumentare il numero delle assunzioni e magari, facendo scivolare la graduatoria, arrivare proprio a quei 30 annunciati dalla Rosolen.

Per fare cosa? Ma è evidente: innestare energie fresche, dare nuova linfa, mettere benzina nel motore dei Centri per l’impiego, che di qui a non molto saranno chiamati a gestire l’impatto di coloro ai quali sarà riconosciuto il reddito di cittadinanza e che dovranno comunque impegnarsi nella ricerca di un lavoro.

Certo, nei Centri per l’impiego arriveranno anche i navigator a dare supporto, soprattutto tecnologico, alle strutture che dovrebbero incrociare domanda e offerta di lavoro e che finora, forse proprio con la parziale eccezione del Friuli Venezia Giulia (vedi servizio nelle pagine successive) non hanno ottenuto risultati esaltanti. In regione arriveranno 46 navigator e anche in tempi relativamente brevi. Già a metà giugno i candidati (sono state presentate 717 domande, ma 51 sono state scartate) dovrebbero essere convocati a Roma dall’Anpal (l’Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro) per le selezioni. Nell’arco di qualche mese dovrebbero entrare in servizio e diventare operativi, ma il loro impegno, a tempo pieno, dovrebbe essere limitato a un paio d’anni.

Il personale che vuole assumere la Regione Friuli Venezia Giulia avrà sempre contratti full time, ma a tempo indeterminato. Forse anche per questo le domande presentate per i due bandi sono state così numerose: 1.215 per il concorso dei diplomati e 676 per quello dei laureati. Nessun record, per carità, soprattutto se si pensa alle migliaia di candidati del concorso regionale del 2015, anche quello per personale amministrativo. Ma neanche cifre da niente, tutt’altro, visto che corrono praticamente in mille per ogni singolo posto.

Quasi a conferma che il sogno non perde smalto e che il mito del pubblico posto fisso ha sempre il suo fascino. Anche nell’estremo Nordest. Dove, magari, come un po’ dappertutto e non solo metaforicamente, solo uno su mille ce la fa.

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori