Home / Cronaca / Omicidio di Roveredo, disposto il carcere per Forciniti

Omicidio di Roveredo, disposto il carcere per Forciniti

Dopo l'interrogatorio di ieri, il Gip ha deciso per la carcerazione del 33enne: “Gravi indizi e pericolo di reiterazione”

Omicidio di Roveredo, disposto il carcere per Forciniti

È arrivata in tarda mattinata la decisone del Gip di Pordenone, Giorgio Cozzarini, in merito alla convalida dell’arresto di Giuseppe Forciniti, l’uomo che la notte del 25 novembre ha ucciso a coltellate la compagna Aurelia Laurenti nella loro abitazione a Roveredo in Piano.

Il Giudice per le indagini preliminari ha disposto l’ordinanza di custodia in carcere, ravvisando gravi indizi, e motivando la disposizione con il fatto che il racconto dell'indagato è tutto da chiarire. Inoltre, ha ravvisato il pericolo di reiterazione del reato.

Appresa la decisione il legale di Forciniti, Ernesto De Toni commenta: “Era naturalmente prevista. Il lavoro difensivo è volto a fare chiarezza su ogni circostanza che ha portato Giuseppe a compiere quel gesto. Oggi in carcere ha parlato con la psicologa e il sacerdote e sta iniziando a recuperare un po di lucidità”.

Martedì 1 dicembre è stata fissata l’autopsia sul corpo di Aurelia. Intanto le comunità di San Quirino e Roveredo si stringono attorno alla famiglia Laurenti. Previste veglie e preghiere e una raccolta fondi per sostenere i due figli di tre e otto anni della coppia, ospitati dai nonni materni.

Articoli correlati
0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori